Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rummenigge a tutto campo: “La Superlega non risolve nulla. Nagelsmann ha sbagliato ad attaccare il Barcellona”

Rummenigge a tutto campo: “La Superlega non risolve nulla. Nagelsmann ha sbagliato ad attaccare il Barcellona” - immagine 1
Rummenigge parla prima del match tra Bayern e Barcellona. E tra le polemiche che riguardano la situazione economica dei blaugrana e quelle che invece coinvolgono la questione Superlega, il tedesco ne ha davvero per tutti...

Redazione Il Posticipo

Silenzio, parla Kalle. Karl-Heinz Rummenigge, due volte Pallone d'Oro ed ex direttore generale del Bayern Monaco, concede una lunga intervista ad AS in vista del match tra i bavaresi e il Barcellona. E tra le polemiche che riguardano la situazione economica dei blaugrana e quelle che invece coinvolgono la questione Superlega, il tedesco ne ha davvero per tutti...

Il Barcellona e Nagelsmann

Si comincia con il Barça, che ha fatto manovre molto criticate per incassare denaro e stravolgere la squadra a disposizione di Xavi. Conoscendo bene il presidente Laporta, Rummenigge considera che le scelte, per quanto rischiose, porteranno i risultati previsti. "Il Barcellona è sempre stato un modello con la Masia, poi ha vinto anche alla lotteria con Messi, che ha elevato il club a un livello ancora più alto. Gli anni che passano però hanno cominciato a farsi sentire e il club si è trovato in problemi finanziari molto seri. Ma conosco bene Laporta, invece di ricominciare con pazienza ha preferito un modo di ripartire più rapido e ha dimostrato che la squadra che sta costruendo deve essere tenuta da conto...". C'è modo anche di punzecchiare Nagelsmann, che più volte ha contestato la campagna acquisti dei catalani, alla luce della loro condizione finanziaria. "Io dico sempre che ognuno dovrebbe pensare a quello che deve fare. Julian ha sbagliato a fare dichiarazioni politiche, quella è una cosa che spetta a Oliver Kahn e a Herbert Hainer. Credo che ognuno dovrebbe limitarsi a parlare della propria area di competenza".

La Superlega

Spazio alla Superlega, che Kalle ha etichettato come progetto fallito qualche giorno fa... "L'idea della Superlega viene dai soldi che girano nella Premier League. Florentino è sempre stato molto critico del fatto che gli inglesi abbiano fatto entrare nel mondo del calcio i fondi o gli stati sovrani, dicendo che il sistema ne avrebbe sofferto". Ma il campionato delle grandi non è la soluzione. "La Superlega non avrebbe aumentato gli incassi dei club, avrebbe avuto solo due conseguenze. La prima è che avrebbe livellato di club di Inghilterra, Spagna e Italia e l'altra è che non ci sarebbero state retrocessioni, creando in pratica una permanenza infinita di questi club nella competizione. E nessuna delle due cose avrebbe funzionato in Europa, semplicemente perchè non è quello che vogliono i tifosi".

Le lezioni di ballo

E infine...la vita privata. Quando ha lasciato la sua carica al Bayern, Rummenigge ha promesso a sua moglie che avrebbe preso lezioni di ballo. Ma lo ha poi fatto? "Sfortunatamente ancora no. Ma sto pensando seriamente di mantenere la promessa. L'altro giorno stavamo vedendo un film sul tango e mi ha guardato come per ricordarmelo. Non potrò sfuggirle a lungo...". E se la signora ha la stessa mentalità di suo marito, impossibile che alla fine le cose non vadano come dice lei...