Rudi Garcia: “La mia sconfitta più bella in Champions”

Non era una rivincita, ma una grande soddisfazione.

di Redazione Il Posticipo

Non  è stata, forse, una rivincita per Rudi Garcia. Di certo, però, c’è una grande soddisfazione. Il tecnico elimina la Juventus di Cristiano Ronaldo dalla Champions e si giocherà la Final Eight: gioia comprensibile per l’ex allenatore della Roma che commenta la sfida ai microfoni di Sky Sport.

IMPRESA – Si può parlare di impresa: “Si è una enorme soddisfazione. Una cosa grande, passare il turno è un exploit. Per noi è stato molto importante non aver preso gol in casa. Sapevamo dove eravamo. Partivamo da qualificati. La Juventus è stata costretta a giocare in avanti, ma non è stata molto pericolosa. Poi dopo il rigore si sono caricati, ma senza creare altri pericoli. Però hanno Cristiano Ronaldo. Ha segnato un gol da Champions League, ma noi siamo rimasti calmi e tranquilli e abbiamo giocato da squadra. Chi è entrato ci ha permesso di riprendere fiato”.

PERSONALITÀ –  Nei 180′ il Lione ha meritato di passare il turno mostrando grandissima personalità. “Abbiamo giocato a livelli molto interessanti. Soffrire era inevitabile, la Juventus non aveva molto da perdere e si è buttata in avanti. Giocare qua è molto difficile, conosco bene questo stadio, ma posso dire che questa è la mia sconfitta più bella. Senza Dybala per loro era complicata, noi abbiamo difeso bene anche se abbiamo preso due gol. In generale non è un grande risultato ma va bene così siamo tutti molto contenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy