Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rossi a tutto…. Europeo: “Un sogno. Mbappé alieno, CR7 discontinuo, Francia più forte ma Italia più squadra”

BELGRADE, SERBIA - OCTOBER 11: Head coach Marco Rossi of Hungary reacts during the UEFA Nations League group stage match between Serbia and Hungary at Rajko Mitic Stadium on October 11, 2020 in Belgrade, Serbia. (Photo by Srdjan Stevanovic/Getty Images)

Il ct dell'Ungheria promuove l'Italia dopo aver affrontato la Francia. Il commissario tecnico, uscito a testa altissima dall'Europeo, ha analizzato scenari e prospettive del torneo,

Redazione Il Posticipo

Marco Rossi, ct dell'Ungheria promuove l'Italia dopo aver affrontato la Francia. Il commissario tecnico, uscito a testa altissima dall'Europeo, ha analizzato scenari e prospettive del torneo, spiegando anche quale sarà il suo prossimo futuri.

SOGNO - L'Ungheria ha cullato un sogno: " I risultati parlano da soli, ma non bastano solo i numeri. Credo sia importante anche come ci si arriva. In questo Europeo abbiamo compiuto enormi passi in avanti. Questa nazionale ha enormi margini di crescita. Adesso puntiamo a qualificarci al mondiale, anche se qualcuno pensa che sia solo un sogno. Era un sogno anche arrivare qui. Abbiamo spaventato la Germania, ho creduto nel miracolo, ma quando la squadra cala non abbiamo molti ricambi. Certamente resta l'amaro in bocca. All'84' eravamo qualificati, ma ci siamo abbassati troppo e se si commette un solo errore in quei casi è fatale".

EUROPEO - Rossi ha giocato contro la Francia e ha visto l'Italia. "I francesi sono sicuramente i più forti, Mbappé visto da vicino è qualcosa di disumano per potenza, forza fisica e velocita. Però anche loro possono andare in difficoltà. Non hanno punti deboli e il tempo per limare qualche piccolo difetto. Mi spiace che l'Italia la possa incontrare solo in semifinale, sarebbe stata una degnissima finale. Gli azzurri hanno una cifra tecnica molto alta e soprattutto sono più squadra di tutti. Ci sono tutti gli ingredienti per giocare un ottimo calcio, ma a volte nelle sfide a eliminazione diretta è l'episodio a decidere. Basti pensare alla sfida contro l'Austria. Arnautovic era in fuorigioco di pochi centimetri. Non lo fosse stato, parleremmo di altro. Comunque è andata. E adesso l'Italia è fra le più serie candidate alla vittoria finale".

RONALDO - Rossi si è misurato anche contro Cristiano Ronaldo: "Un grandissimo campione, un fuoriclasse assoluto in grado di inventarsi la giocata in qualsiasi momento. Ha perso, però, quella straordinaria capacità di incidere come gli riusciva qualche anno fa. Alla Juventus ha avuto un rendimento altalenante, come in questo Europeo, dove è riuscito comunque a fare la differenza, anche se un po' meno rispetto agli anni precedenti e allo standard cui ci aveva abituato".