Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ronaldo, un Fenomeno anche negli affari…

VALLADOLID, SPAIN - FEBRUARY 23: Ronaldo Nazario, Chairman of Real Valladolid looks on prior to the La Liga match between Real Valladolid CF and RCD Espanyol at Jose Zorrilla on February 23, 2020 in Valladolid, Spain. (Photo by Angel Martinez/Getty Images)

Il suo Valladolid, come riporta uno studio pubblicato da El Pais, è un fulgido esempio di una gestione virtuosa

Redazione Il Posticipo

Ronaldo un Fenomeno anche negli affari. Il suo Valladolid, come riporta uno studio pubblicato da El Pais, è un fulgido esempio di una gestione virtuosa del club dal punto di vista economico nel calcio spagnolo. La sua squadra ormai proiettata verso la terza stagione dopo la presidenza, sta per estinguere il debito di circa 30 milioni di euro ereditato e dal punto di vista del bilancio il saldo è assolutamente in positivo: da 23,8 a 49,3 milioni di euro. Il segreto è in una ricetta semplice: massimizzare i profitti fuori dal campo e investire saggiamente sul mercato.

PROMOZIONE - Dopo il ritorno nella Liga il Valladolid ha mantenuto la spina dorsale della squadra, puntellando la rosa con dei prestiti e realizzando due ottime cessioni: Salisu (12 milioni di euro) e Calero (8 milioni di euro) . Quindi ha saputo fidelizzare il pubblico. In primis, ha aumentato il numero degli abbonati. Quindi si è concentrato sul merchandising, raggiungendo il record pdi vendita di maglie, ottenendo anche le migliori sponsorizzazioni nella storia del club che ha permesso di incrementare il fatturato del 45%.

ECONOMIA - Il Valladolid ha anche saputo assorbire senza gravi danni economici l'impatto economico generato dalla pandemia. La dirigenza ha scelto di abbattere il monte stipendi del club a tutti i livelli tagliando gli stipendi. Quindi ha scelto di muoversi con grande oculatezza sul mercato durante la finestra estiva, riducendo al minimo gli acquisti.

CONTROLLO - Lo stesso staff di Ronaldo ha spiegato come alla base ci sia il rispetto delle regole. "La cosa migliore che sia successa al calcio è il controllo finanziario. Prima era un caos. Era un mondo di grande luminosità e poca credibilità. Noi abbiamo dimostrato che si può essere responsabili come in qualsiasi altro settore". Adesso l'0biettivo è la qualificazione in Europa League fissata entro il 2023. Nel frattempo, il club si gode la crescita sul campo che alla fine resta l'unico giudice. E anche il Fenomeno ne è consapevole. E lo conferma Guerra, il suo uomo di fiducia. "Se hai aumentato i profitti del 20%, ma finisci in fondo alla classifica o perdi in casa per tre a zero, quello che è stato fatto agli occhi dei tifosi non vale nulla. La visione commerciale del calcio è tenuta sotto controllo solo dai dirigenti ”.