Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Roma, ricordi Mayoral? Il Real lo rivorrebbe ma preferisce il Getafe…

Roma, ricordi Mayoral? Il Real lo rivorrebbe ma preferisce il Getafe… - immagine 1

C'è chi dice no al Real Madrid. Ed è una vecchia conoscenza del calcio italiano.

Redazione Il Posticipo

C'è chi dice no al Real Madrid. Ed è una vecchia conoscenza del calcio italiano. Borja Mayoral attaccante della Roma di Fonseca dirottato a Madrid, sponda Getafe, è stato protagonista di un ottima stagione. In quattro mesi 17 partite e sei gol determinanti per la salvezza della squadra. Quanto basta per essere notato a Valdebebas dove, considerati gli addii di Bale, Hazard e Jovic, si cerca una quarta punta. La risposta del giocatore è rivolgersi altrove. Sta bene a Getafe, come ha dichiarato in una intervista a Onda Madrid. 

EQUILIBRIO - Il centravanti ha reso oltre ogni più rosea aspettative rilevandosi acquisto quanto mai azzeccato.  "Ho raggiunto un ottimo equilibrio a livello calcistico e personale nei quattro mesi che ho trascorso qui. Se fosse possibile vorrei continuare ad aiutare la squadra dopo aver raggiunto l'obettivo della salvezza. Sono venuto qui a Getafe perché avevo bissogno di giocare e di fiducia dopo i mesi in cui ho visto poco il campo a Roma. E quando sono arrivato mi sono immediatamente sentito a mio agio nello spogliatoio".

NO GRAZIE - L'ex attaccante giallorosso ha un contratto che lo lega al Real sino al 2023. E poca voglia di tornare a far la spola fra panchina e tribuna. "Ho parlato con la dirigenza riguardo la mia possibilità di restare al Getafe e il presidente mi ha detto che ne avrebbe parlato con il mio agente. Io ho ancora un anno di contratto con il Real ma anche una idea precisa. Restare qui. So che non dipende da me, ma non è facile trovare un ambiente come questo".

ANCELOTTI - Molto, se non tutto, si deciderà nelle primissime settimane della prossima stagione quando Borja sarà valutato da Ancelotti. "Probabilmente tornerò a Madrid per la preseason e anche per capire che feeling possa trovare con il tecnico. A quel punto prenderemo una decisione. Certo mi renderebbe felice giocare per il Real Madrid, è il club dove sono cresciuto e mi sono formato come calciatore, ma sono stato molto bene qui, nello spogliatoio e al club, mi piace l'interesse che mi ha dato il presidente e ne terrò conto quando avrò deve prendere una decisione”.