Fellaini: dalla Premier con furore, garantisce Nainggolan

Fellaini, in scadenza nel 2018, può diventare un obiettivo della Roma già per il mercato di gennaio. Cerca spazio per tenere il posto in nazionale e ha uno sponsor speciale: il Ninja.

di Redazione Il Posticipo

Nel Belgio sono praticamente inseparabili. Al punto che la controversa “regola Nainggolan” creata dal CT Martinez contro chi fuma durante i ritiri in realtà sarebbe la regola Nainggolan e Fellaini, dato che anche il centrocampista del Manchester United non è esattamente esente dal vizio delle sigarette. Durante la scorsa stagione, la presenza del belga di origini marocchine sugli spalti dell’Olimpico in occasione di una partita della Roma non era passata inosservata, ma aveva dato poco adito ad illazioni di mercato. Stavolta però cambia tutto e le possibilità che il Ninja possa effettivamente accogliere il suo compagno di reparto a Trigoria, ci sono eccome.

Fellaini ha il contratto in scadenza nel 2018

Per capire perchè, basta partire da qualche numero. Dodici, come le presenze stagionali con i Red Devils, corredate da quattro reti e da un assist. Cinque, come quelle complessive dal primo minuto. Anche al netto dell’infortunio al ginocchio che lo sta tenendo fermo da un po’, poche per chi a giugno dovrà giocare un mondiale e deve guardarsi dalla concorrenza, che nel Belgio a centrocampo è tanta e particolarmente agguerrita. E poi 2018, come la data di scadenza sul contratto di Fellaini con il Manchester United, che il mediano non ha alcuna intenzione di rinnovare, potendo così decidere la propria destinazione senza dover chiedere il permesso al club.

Possibile un assalto già a gennaio

Di fronte ai numeri anche un allenatore testardo come Mourinho deve arrendersi e ragionare su una possibile cessione del trentenne, che comunque in rosa è chiuso da Matic e non rientra esattamente nei piani futuri del portoghese. E quindi un inserimento della Roma già a gennaio per assicurarsi un centrocampista con un ampio bagaglio di esperienza e con il vizio del gol non è da escludere. Certo, c’è di mezzo l’infortunio, ma in oltre dieci anni di carriera ad altissimi livelli il belga ha dimostrato di non essere un calciatore molto propenso a rimanere in infermeria. Dunque, una volta risolta la problematica al ginocchio, il compagno di reparto di Nainggolan nel Belgio sarebbe abile ed arruolato. A Roma Fellaini potrebbe fungere sia da frangiflutti davanti alla difesa, sfruttando il suo fisico statuario (1,94m per 85kg), sia da mezzala, puntando sulla capacità di inserimento (sia di piede che di testa) che gli ha permesso di realizzare ben 78 reti tra Standard Liegi, Everton, Manchester United e nazionale.

Esperienza e fisicità, e poi garantisce Nainggolan

Un calciatore forgiato da quasi un decennio di Premier League e dalla fisicità straripante potrebbe risultare un fattore in grado di spostare gli equilibri in Serie A, un po’ come fece (ovviamente con le dovute proporzioni) Patrick Vieira, arrivato in Italia alla soglia dei trent’anni e fondamentale per le fortune di Juventus e Inter grazie al mix di esperienza e forza. Fellaini potrebbe essere acquistato ad una cifra ragionevole o, se Mou insistesse per tenerlo fino a fine stagione, addirittura raggiungere Trigoria a giugno senza far spendere un euro alla Roma. E quindi Monchi ci pensa, considerando che anche quello che finora è l’acquisto con il miglior rendimento della scorsa campagna acquisti è proprio un ultratrentenne arrivato dal campionato inglese e che molti consideravano in fase calante. Un altro Kolarov? Chissà… Anche perchè se per le referenze sul serbo si è speso Dzeko, che lo conosce bene, in questo caso…garantisce Nainggolan.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy