Roma, torna realizzabile il sogno Mahrez

Roma, torna realizzabile il sogno Mahrez

I giallorossi non hanno mai perso di vista il talento algerino e nel mercato di gennaio Monchi cercherà di nuovo di metterlo a disposizione di Di Francesco. Con l’aiuto dei soldi della Champions.

di Francesco Cavallini

Il primo amore non si scorda mai. Concetto trito e ritrito, forse, ma mai reale come quando si parla di calciomercato. Esistono corteggiamenti calcistici che durano mesi, anche anni, per poi finire in due modi. O con un rapporto mai sbocciato, un sogno rimasto tale, magari un rimpianto lungo una carriera. O con un matrimonio, magari ritardato, a volte con un destino infelice, ma figlio di un inseguimento costante e insistito. A Roma sperano che l’amore per Riyad Mahrez, a lungo desiderato da Monchi e Di Francesco, ma alla fine lasciato a Leicester alla mercé del tecnico Shakespeare (poi esonerato), termini con un bel contratto. Non matrimoniale forse, ma ugualmente importante.

I soldi della Champions per tornare su Mahrez

I giallorossi non hanno mai perso di vista l’algerino delle Foxes. Lo hanno seguito nell’inizio stentato di campionato, hanno assistito interessati all’addio dell’allenatore che si era opposto alla sua cessione e ora attendono che arrivi gennaio. Anzi, forse, basterà inizio dicembre, quando la Roma potrà avere la certezza di passare agli ottavi di Champions League e, di conseguenza, di incassare un ulteriore bel gruzzolo, che si andrebbe ad aggiungere ai soldi maturati finora grazie alla partecipazione alla competizione europea. Sono in ballo il premio qualificazione, gli incassi da botteghino per il turno successivo e un’ulteriore fetta di market pool. Entrate importanti, per tentare un colpo che può cambiare volto alla già competitiva stagione della squadra di Di Francesco.

L’algerino ha voglia di cambiare aria

Il Leicester è attualmente nono. Una posizione di classifica di tutto rispetto, ma che di certo non soddisfa la voglia di grande calcio di Mahrez. Che in estate è stato inseguito non solo dai giallorossi, ma anche dall’Arsenal, dal Chelsea e per un po’ persino dal Barcellona. Normale che l’idea di ritrovarsi di nuovo al King Power Stadium, dopo aver sognato magari il Camp Nou, non sia particolarmente affascinante. L’algerino gioca, segna (come nel match contro il Tottenham, in cui è andato in gol anche il suo “gemello” Vardy), ma è di fatto separato in casa da mesi. Da quando Shakespeare e la dirigenza si sono opposti ad una sua partenza. Il tecnico, come detto, è stato esonerato e ora anche la società pare entrata nell’ordine di idee che tenere in rosa un giocatore scontento  non è il massimo della vita.

Costerebbe meno che in estate e può far felice Di Francesco

E quindi la Roma timidamente (ma neanche troppo) si riaffaccia verso Leicester per tentare un altro assalto. Dalla sua parte ha una logica, seppur leggera, svalutazione del cartellino del giocatore, per cui gli inglesi in estate avevano rifiutato quasi quaranta milioni. Ma anche l’assenso del calciatore, che già nei torridi mesi di calciomercato aveva fatto sapere che l’esperienza nella Capitale sarebbe stata di suo gradimento. E Di Francesco spera, perchè ha fiutato l’occasione. Ha capito che questo campionato così combattuto si vincerà facendo la massima attenzione ai dettagli e sa che un attaccante di movimento con le caratteristiche ed il talento di Mahrez può far fare alla sua Roma un ulteriore salto di qualità. Monchi approva e sta preparando l’offensiva. Attende solo che la squadra faccia il suo dovere contro il Qarabag. Poi ricomincerà il corteggiamento. E i tifosi sperano che, dopo la delusione estiva, almeno stavolta si riesca a vivere tutti felici e contenti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy