Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Roma, Arteta apre a un ritorno di Mkhitaryan all’Arsenal: “Mi è sempre piaciuto, quando è al top può giocare in qualsiasi squadra”

Finalmente, dopo un periodo complicato da alcuni infortuni, la Roma sta scoprendo il vero Mkhitaryan. Ma giugno si avvicina e comincia a essere il momento di delineare il futuro del numero 77. Che l'Arsenal ha ceduto in prestito secco e che ha...

Redazione Il Posticipo

Finalmente, dopo un periodo complicato da alcuni infortuni, la Roma sta scoprendo il vero Henrikh Mkhitaryan. L'armeno, che è appena diventato papà del piccolo Hamlet (chiamato come suo padre, ex calciatore anche lui), sta vivendo un momento di forma straordinario. Le sue giocate rendono la squadra di Fonseca pericolosa e imprevedibile e anche in zona gol l'ex Borussia Dortmund, United e Arsenal si fa vedere con una certa frequenza. Ma considerando che giugno si avvicina, comincia a essere il momento di delineare il futuro del numero 77. Che i Gunners hanno ceduto in prestito secco ai giallorossi e che ha tutto l'apprezzamento possibile del nuovo inquilino dell'Emirates, Arteta.

POSSIBILITÁ - Come riporta Goal, lo spagnolo è stato interrogato sulla possibilità di riportare a Londra Mkhitaryan. E ha spiegato che l'armeno è un calciatore che rientra nei suoi canoni. “Mi è sempre piaciuto. È un calciatore che quando è al massimo della forma può giocare in qualsiasi squadra. Ma deve farlo con continuità e questo è quello che dobbiamo capire. È una possibilità che abbiamo e che considereremo". Tutta un'altra storia rispetto al periodo di Emery. I problemi con l'ex allenatore dell'Arsenal sono stati il motivo che ha spinto Mkhitaryan a lasciare Londra e ad abbracciare il progetto giallorosso. E a Roma ha trovato Fonseca, che lo considera fondamentale nella sua idea di gioco.

SCELTA - La scelta, però, spetterà all'Arsenal, che continua a gettare un occhio sulle partite della squadra capitolina. E si sta accorgendo che in giallorosso l'armeno sta tornando determinante come ai tempi in cui splendeva con Klopp o segnava a ripetizione con la maglia dello Shakhtar. "Osserviamo con attenzione tutti i calciatori che abbiamo in prestito. E Miki sta facendo molto bene nelle ultime partite. Sappiamo che calciatore è, conosciamo il suo passato e abbiamo bisogno di avere tutte le informazioni possibili per prendere la decisione giusta". La Roma, però, spera nella volontà del giocatore. Che parla già perfettamente italiano, si è totalmente inserito nella sua nuova realtà e ha fatto nascere suo figlio nella Città Eterna. Un atto d'amore da non sottovalutare.