Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rolando Bianchi carica: “Spero di rivedere lo spirito Toro”

L'ex centravanti del Torino, intervenuto durante la trasmissione Maracanà, a TMW Radio ha parlato della sfida di Coppa Italia e non solo...

Redazione Il Posticipo

Rolando Bianchi carica il Torino in vista della sfida di Coppa Italia contro il Milan. L'ex centravanti  granata, intervenuto durante la trasmissione Maracanà, a TMW Radio ha parlato della sfida di Coppa Italia e non solo...

RISCATTO - Il centravanti, esaltato dalla gestione Mazzarri, chiede alla squadra di tirare fuori il carattere in vista della sfida di San Siro.  "Ho grandissima fiducia nel mister, ma il 7-0 pesa molto soprattutto perché ho visto poca partecipazione da parte dei giocatori. Ci sono stati errori dei singoli che non si possono accettare a quel livello di categoria. Stasera sarà una partita difficilissima, perché il Milan viene da un momento positivo. Spero di rivedere lo spirito Toro. Le qualità ci sono, serve essere determinati in campi. Forse qualche giocatore non riesce a rendere al massimo in un ruolo, ma credo che qualcosa in più devono dare".

SARRI - Bianchi si è poi soffermato sul momento della Juve e sulle dichiarazioni di Sarri: "Il gioco è difficile da applicare. Sono campioni che hanno una loro visione di gioco e fanno fatica a recepire certi schemi, perché hanno vinto con il loro modo di giocare. Da fuori è facile parlare, ma sicuramente qualche problematica a livello tattico e gestionale esiste. I giocatori sono di altissimo livello. Sarri ha un modo di giocare particolare, chiede cose diverse dalle abitudini e non li mette nelle condizioni ideali. Quando cambi certi equilibri, a volte non hai il risultato che si vuole ottenere. La Juventus non gioca come il Napoli perché i calciatori faticano a recepire il gioco. Per quanto riguarda le dichiarazioni post partita. Non voglio criticarlo ma non si sposa al 100% con l'idea di Juventus anche dal punto di vista dell'immagine e nel gestire le interviste. Occorre essere equilibrati nelle dichiarazioni".