Rojo ne combina un’altra. Gioca a paddle. Veron: “Non faccio il baby sitter, sa quello che fa e che non mi piace”

Rojo ne combina un’altra. Gioca a paddle. Veron: “Non faccio il baby sitter, sa quello che fa e che non mi piace”

L’argentino si fa ancora una volta beffe della quarantena e gioca a paddle. Il suo presidente non la prende benissimo, ma sceglie di utilizzare bastone e carota.

di Redazione Il Posticipo

La quarantena di Marcos Rojo ha causato diversi momenti di difficoltà all’Estudiantes. Foto e video testimoniano un comportamento in isolamento tutt’altro che irreprensibile. Innanzitutto, è apparso in maglietta giocando a carte con gli amici.  Qualche giorno dopo, suo fratello ha condiviso un video in cui fumava in una riunione che non rispettava l’isolamento. E infine, ha chiuso il cerchio con delle immagini  di lui che gioca a paddle tennis.

BABY SITTER – Il presidente Veron, come riportato da TNT, sceglie bastone e carota. “So bene quello che è successo nella quarantena con Marcos Rojo e dei video che sono stati pubblicati. Però io non posso fare da baby-sitter a nessuno.  Tutti sanno cosa fa e come si stia comportando. Ovviamente non mi piacciono queste cose. In questi giorni ho parlato con lui di situazioni che sono di pubblico dominio. Gli voglio molto bene e lo conosco sin da quando era poco più di un ragazzo. Tutti noi impariamo ogni giorno dalle cose che facciamo. Vogliamo che continui nel club e che voglia continuare”.

APERTURA – Rojo, insomma, ha fatto parlare molto più per quanto ha combinato fuori dal campo che all’interno del rettangolo da gioco. Da quando è tornato in Argentina, l’ex calciatore dello United è stato in grado di giocare solo una partita e poi, vittima di un infortunio è praticamente rimasto quasi sempre fuori dal campo. Il suo prestito dal Manchester United termina a giugno ma la sensazione è che le due strade si possano dividere anche se Veron lascia pur sempre uno spiraglio. “La continuità di Marcos Rojo non dipende da noi. Dipende dal Manchester United, dalla voglia  e dalla pressione che può fare, stiamo aspettando ciò che ci diranno quali siano i loro obiettivi e cosa vogliono fare. I tempi e le esigenze di entrambi i club sono diversi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy