Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Robinson e il “suo” Gazza: “Il suo pranzo pre-partita era pollo fritto. Ci tirava i soldi dalla macchina…”

NAPLES, ITALY - JULY 01: England maestro Paul Gascoigne celebrates after the 1990 FIFA World Cup quarter final match between England and Cameroon at the San Paolo Stadium on July 1, 1990 in Naples, Italy. (Photo by David Cannon/Allsport/Getty Images)

Quella tra Morecambe e Tottenham di FA Cup non può essere una partita normale per il tecnico Stephen Robinson. L'allenatore della squadra di League One è infatti cresciuto negli Spurs. E ha splendidi ricordi...di un calciatore in particolare.

Redazione Il Posticipo

Quella tra Morecambe e Tottenham di FA Cup non può essere una partita normale per il tecnico Stephen Robinson. L'allenatore della squadra di League One è infatti cresciuto negli Spurs e ha anche giocato un anno in prima squadra, prima di continuare la sua carriera principalmente tra Bournemouth e Luton Town. Ora che però allena, il sorteggio della competizione più antica del mondo gli ha regalato una bella sorpresa, una match contro la sua ex squadra, guidata da Antonio Conte, nello stadio del Tottenham. Che magari non è più quello in cui giocava lui, ma che certamente riporta alla mente parecchi ricordi, che Robinson ha raccontato al Sun a poche ore dalla partita.

GAZZA - Robinson è un classe 1974, dunque ha fatto le giovanili assieme a un mito del calcio di Sua Maestà come Sol Campbell. E quando i due erano ancora ragazzi, in prima squadra c'era un certo Paul Gascoigne... Logico dunque che tra gli aneddoti del tecnico ce ne sia qualcuno sul leggendario Gazza... "Questa è la partita che sognavo, perchè mi dà la possibilità di farmi una passeggiata tra i ricordi. E quelli che ho di Gazza sono di uno che faceva ammattire tutti, a partire dai fisioterapisti, che faceva la verticale sui secchi pieni di ghiaccio. Un giorno è arrivato in macchina al centro sportivo e ha cominciato a tirare banconote dal finestrino". Tutto in stile Gascoigne...

GENEROSO - E c'è da immaginarsi un gruppo di ragazzini delle giovanili affascinati dai suoi comportamenti così particolari. "Noi eravamo ragazzi che guadagnavano 29,5 sterline a settimana e lui arrivava e ci tirava banconote da 20 e da 50 sterline. Era lo stipendio di una settimana e mi ricordo di essermi messo a competere con Sol Campbell per 20 sterline. Alla fine, purtroppo, ha vinto solo uno. Ma Gazza era incredibilmente generoso, specialmente quando mandava uno di noi a prendere il suo pranzo prima della partita, che era pollo fritto. Il nostro lavoro consisteva nell'andare a prenderglielo alle 13:30 di sabato. Lui ti dava una banconota da 50 sterline e ti tenevi il resto". Insomma, il solito Paul. E chissà che per la rimpatriata di Robinson, l'ex biancoceleste non decida di farsi vedere allo stadio...