Ronaldinho e Robinho, due percorsi differenti…

Ronaldinho e Robinho, due percorsi differenti…

Ronaldinho e Robinho, due percorsi diversi. Dinho si dà alla politica per la difesa della legalità in Brasile. Robinho invece cerca di dribblare i tribunali italiani.

di Redazione Il Posticipo

Ronaldinho e Robinho. Due modi diversi di gestire la propria vita. Toda joya e toda beleza. Anche troppa. Sopratutto per quanto riguarda Robinho, che deve difendersi dalle accuse di abuso sessuale. Molto diverso invece il percorso di Ronaldinho, che potrebbe sposare la causa politica. Dal Pallone d’Oro al parlamento l’uno. Dai sedici metri dell’area di rigore ai possibili pochi metri quadrati di una cella l’altro.

Ronaldinho sostiene la legalità in Brasile

Ronaldinho si dedica ai problemi del suo paese. Il Brasile, dopo il boom economico di inizio millennio, si sta incartando in una crisi economica piuttosto complicata. E molti partiti inseguono, come uomini immagine, calciatori di spessore. E cosi, dopo Romario, la politica cerca Ronaldinho, che sta valutando l’ipotesi di candidarsi con il Partito Ecologico Nazionale per un posto da senatore nello stato di Minas Gerais.

Robinho invece dribbla la giustizia?

Se Ronaldinho corre per il Senato, Robinho prova a dribblare la giustizia italiana. Sono giorni difficili per l’attaccante, condannato a 9 anni di reclusione per violenza sessuale. L’episodio si sarebbe consumato a Milano con una ragazza albanese e risalirebbe allo scorso 2013 quando, in una discoteca milanese, il brasiliano avrebbe abusato, insieme ad altre cinque persone, della ragazza. Robinho ha giocato in Italia sino al 2014, sempre col Milan, totalizzando 32 goal in 144 presenze prima di far ritorno in patria per sposare nuovamente la causa del Santos.

E in ogni caso non lascerà il Brasile

Il giocatore, per adesso, continua la sua vita normale in attesa dell’appello. I suoi legali stanno studiando la difesa e possono sfruttare, prima della sentenza definitiva, una norma del paese sudamericano che non consente l’estradizione di un brasiliano che commette un reato e che sia nato in Brasile, anche se l’azione è stata commessa all’estero. Dunque, dopo una vita passata a sfuggire ai difensori, Robinho si prepara anche ad affrontare un caso diplomatico. Qualcosa di molto più difficile da dribblare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy