Roberto Hilbert e il mercato folle: “Se Neymar è costato 222 milioni, al giorno d’oggi nessuno potrebbe comprare Ronaldinho e Ronaldo”

Roberto Hilbert, ex difensore, ha vinto la Bundesliga con lo Stoccarda e ha giocato una manciata di partite con la nazionale tedesca. E ha raccontato a Goal dei campioni che ha avuto modo di incontrare, giudicando anche i fenomeni della nuova generazione.

di Redazione Il Posticipo

Per chi gioca a calcio ad alti livelli ma non è un fenomeno, una delle maggiori gioie è condividere il campo con chi invece entra nella storia di questo sport. Magari giocandoci contro si fanno anche figuracce, ma avere l’opportunità di affrontare i grandi campioni fa piacere. E permette di dare giudizi circostanziati. Roberto Hilbert, ex difensore, ha vinto la Bundesliga con lo Stoccarda e ha giocato una manciata di partite con la nazionale tedesca. E ha raccontato a Goal dei campioni che ha avuto modo di incontrare.

DINHO – Sul migliore non ci sono dubbi. “Il miglior calciatore contro cui abbia mai giocato è Ronaldinho. Anzi, per me forse è il miglior calciatore di sempre. Era veloce, forte e sorrideva sempre. Ci ho giocato contro quando lui era al Barcellona e io allo Stoccarda. La partita non è andata bene per noi, ma posso dire che è stata un’esperienza speciale! Io cercavo di colpirlo, ma non era facile neanche fargli fallo. Stessa cosa per Ribery, che è il migliore che ho affrontato in Bundesliga. Giocano a calcio perchè si divertono, non perchè è un lavoro. Sono felici di essere in campo e di avere il pallone tra i piedi. Amano il calcio, ce l’hanno nel cuore e vogliono divertirsi. Parliamo di calciatori che hanno un talento donato da Dio, che non ha nessun altro. Fanno la differenza perchè hanno qualcosa che gli altri non riescono a fare”.

IL MERCATO – Anche nella nuova generazione di giocatori così ce ne sono”. Anche Messi, Cristiano Ronaldo, Mbappe e Neymar sono così. Amano il calcio e adorano competere al massimo livello. Non pensano mai di essere abbastanza bravi. Anzi, sono tutti convinti di essere il migliore al mondo quando entrano in campo. Ed ecco perchè sono così forti”. Ma nessuno può paragonarsi a Dinho e a Ronaldo…quello brasiliano. “Credo che per come si è sviluppato il mercato, Ronaldinho e Ronaldo sarebbero troppo costosi al giorno d’oggi. Se Neymar è costato 222 milioni, più tutti quelli che prende di stipendio, allora Ronaldinho e Ronaldo il Fenomeno costerebbero ancora di più. Al punto che forse nessuno potrebbe permettersi di comprarli”. Anche se di certo qualcuno ci proverebbe.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy