Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Lewandowski: “Sergio Ramos e Cristiano Ronaldo hanno provato a farmi andare al Real”

(Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

L'attaccante del Bayern Monaco rivela il pressing fatto dai due rivali in passato, ma ha scelto di restare. E ha avuto ragione.

Redazione Il Posticipo

Robert Lewandowski ha reso onore alla memoria di Gerd Muller giocando e segnando in Supercoppa contro il Dortmund. I suoi gol, come spesso accade, hanno permesso al Bayern di continuare a sollevare trofei. Il primo dell'era Nagelsmann, sulla scia di quelli conquistati da Flick. Senza soluzione di continuità.  E pensare che, prima che si aprisse il ciclo straordinario di successi, l'attaccante polacco ha pensato di lasciare la baviera. Un paio di stagioni fa "Lewa", per sua stessa ammissione. è stato vicinissimo alla Spagna dopo aver parlato con due rivali che oggi... non giocherebbero con lui.

RAMOS E RONALDO - Lewandowski ha vuotato il sacco qualche tempo fa ai microfoni di Football Daily in onda su Bbc Radio 5 a cura di Guillem Balagué. Il giornalista ha chiesto al polacco di confermare quanto si vocifera sulle sue chiacchierate galeotte con Sergio Ramos e Cristiano Ronaldo avvenute un paio di stagioni fa in Champions. "Entrambi mi hanno detto vieni qui! Devi giocare per noi. Ma è normale. Se giochi ad alto livello, tutti dicono che puoi venire qui o andare là o là ancora. Tutto questo non conta per me. La cosa più importante è quello che voglio fare io e quello che decido".

 REGGIO NELL'EMILIA, ITALY - NOVEMBER 15: Alessandro Bastoni of Italy tackles Robert Lewandowski of Poland during the UEFA Nations League group stage match between Italy and Poland at Mapei Stadium - Citta' del Tricolore on November 15, 2020 in Reggio nell'Emilia, Italy. (Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

APPREZZATO - Secondo quanto riportato da As, Lewandowski è stato sempre molto apprezzato dalla dirigenza del Real fin dai tempi del Borussia Dortmund. Nel 2013 i Blancos hanno negoziato il trasferimento dell'attaccante col suo agente di allora, Cezary Kucharski, ma "Lewa" aveva un accordo col Bayern. Il bomber però non ha mai nascosto le sue simpatie per il Real, ma quando si è parlato di lasciare la Germania il Bayern è stato sempre irremovibile: "Non si vende". E Oggi Lewa sembra averci rinunciato. E tutto sommato, alla resa dei conti, ha avuto ragione lui. Negli ultimi anni ha vinto molto di più rispetto a quanto ha portato a casa il Real."Se giochi in uno dei migliori club in Europa e al mondo, sai di poter essere felice e io lo sono al Bayern. Perché ciò che abbiamo qui è un livello molto alto".