Rivaldo spaventa il Barcellona: “Messi è in calo, è pericoloso dipendere solo da lui”

Tre partite consecutive senza vincere, rimediando due pareggi e una sconfitta che brucia contro il Leganes. Normale che dalle parti del Camp Nou ci sia un po’ di nervosismo. Rivaldo, grande ex blaugrana, lo sa bene e avvisa i naviganti: occhio alla Messi-dipendenza, perchè…

di Redazione Il Posticipo

Tre partite consecutive senza vincere, rimediando due pareggi e una sconfitta che brucia contro il Leganes. Normale che dalle parti del Camp Nou ci sia un po’ di nervosismo, perchè a Barcellona non è certo un’abitudine passare più di una settimana senza portare a casa una partita. Rivaldo, grande ex blaugrana, lo sa bene e avvisa i naviganti con la sua analisi pre-Champions League sul sito di Betfair, di cui è ambasciatore. Se le cose vanno male in Liga, ci sono possibilità che vadano peggio in Europa.

PESSIMISMO – “Ci sono ottimi motivi per essere preoccupati, è difficile vedere il Barcellona soffrire in tre partite di Liga. La squadra deve tener conto di ciò, perchè la Champions League è più dura del campionato spagnolo e se si perdono punti contro questa tipologia di squadre, le cose in Europa potrebbero anche peggiorare“. Pessimismo? Neanche troppo. La squadra di Valverde non ha certo mostrato lo smalto dei giorni migliori e considerando anche che in Champions c’è chi non segna in trasferta da tre anni, come El Pistolero Suarez, meglio andarci coi piedi di piombo.  E senza affidarsi troppo a Messi. Non è giusto per Rivaldo che i blaugrana…si adagino sulle spalle della Pulce.

CALO – “Tutti sappiamo benissimo quanto sia eccezionale Messi come calciatore e quanto possa continuare a essere decisivo. Ma il Barcellona ha tanti altri grandi calciatori in rosa e continuare a dipendere solamente dai gol e dagli assist di Messi è pericoloso“. Ma perchè è pericoloso? Perchè l’argentino, anche se resta un campione, comincia a sentire il peso degli anni… “Il Barcellona ha bisogno che altri calciatori siano all’altezza delle circostanze. Messi non è eterno, non durerà per sempre ed è normale che alla sua età il suo livello cominci leggermente a calare anno dopo anno. Per questo deve esserci qualcuno che prenda le redini. E il Barcellona ha in rosa molti calciatori che possono decidere le partite, ma la verità è che non lo stanno facendo ora che è importante che lo facciano“. Basteranno le parole del Pallone d’Oro 1999 a scuotere la squadra di Valverde?

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy