Ripartenza Premier, la rabbia di Mou contro i dubbi dei colleghi: “Se non volete giocare, statevene a casa e guardate la Bundesliga!”

Ripartenza Premier, la rabbia di Mou contro i dubbi dei colleghi: “Se non volete giocare, statevene a casa e guardate la Bundesliga!”

Mentre la Bundesliga conta le ore al fischio d’inizio della…seconda metà di questa stranissima stagione, in Inghilterra si discute di come e quando far ripartire la Premier League. E, come racconta il Mirror, la riunione dei tecnici di Premier si è fatta incandescente…

di Redazione Il Posticipo

Ancora tanti dubbi sulla ripartenza della Premier League. I casi di Covid-19 nel Regno Unito sono ancora molti, ma si va verso una riapertura degli allenamenti in sede per i calciatori, anche se non sarà possibile effettuare sessioni a ranghi completi. Il tutto mentre la Bundesliga conta le ore al fischio d’inizio della…seconda metà di questa stranissima stagione. In Germania si è deciso di rimettere le squadre in campo con molto anticipo rispetto ai piani degli altri grandi campionati e questo non fa altro che dare voce a chi da parecchio chiede di ricominciare. E la riunione dei tecnici di Premier si è fatta incandescente.

FRONTE DEL NO – Il Mirror spiega che gli allenatori delle venti squadre del massimo campionato inglese si sono riuniti (anche se da dietro uno schermo) per dare la loro opinione su protocolli, nuove regole e rischi per la sicurezza dei calciatori. Il tabloid rivela che alcuni dei tecnici hanno espresso più di qualche dubbio, soprattutto per quello che riguarda la situazione sanitaria. A guidare il gruppo degli incerti sarebbe Pep Guardiola (Manchester City), assieme a Frank Lampard (Chelsea), Nigel Pearson (Watford) e Graham Potter (Brighton). Per questi club, al momento attuale, non sarebbe una buona idea accelerare il passo verso una completa ripresa delle competizioni calcistiche. Pep e gli altri, però, non hanno fatto i conti con chi vuole scendere in campo.

FRONTE DEL SÍ – E tra questi, spiega il Mirror, c’è Josè Mourinho. Il tabloid racconta di una reazione abbastanza piccata da parte del portoghese, che già in tempi di lockdown completo aveva fatto intendere di voler ricominciare a lavorare, portando alcuni dei calciatori del Tottenham ad allenarsi con lui in un parco londinese.”Se non volete giocare, statevene a casa e guardate la Bundesliga!”, avrebbe detto lo Special One, riferendosi ai colleghi che esprimevano i proprio dubbi. Con un’atmosfera simile e considerando anche le molte critiche al Project Restart, non ultime quelle all’idea che i giocatori debbano voltarsi al momento di un tackle, difficile immaginare che si possa trovare un accordo in tempi brevi. Il rischio di dover guardare tutti la Bundesliga, quindi, è più che reale…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy