calcio

Rincon e gli altri: quante vite spezzate dalla strada…

Redazione Il Posticipo

Il 27 più famoso d'Italia, Fabio Quagliarella, spiega sempre perché indossa quel numero. Ha scelto quella maglia per ricordare il suo amico e compagno di squadra nelle nazionali giovanili Niccolò Galli, morto nel 2001 in un incidente stradale ad appena 18 anni. La memoria del figlio dell'ex portiere azzurro Giovanni è ancora viva anche grazie alle reti di Quaglia e al trofeo che porta il suo nome. E in rossoblu non ci sarà mai più un altro 27, visto che la sua maglia è stata ritirata dal Bologna.