calcio

Ricatti, alcool, tasse, botte e…terrorismo: i calciatori con la fedina penale sporca

La legge è uguale per tutti. Persino per i calciatori. Che, come dimostra il caso di Benzema, se infrangono qualche norma, pagano come tutti gli altri. Multe, servizi sociali e, perchè no, a volte anche il carcere.

Redazione Il Posticipo

BARCELONA, SPAIN - OCTOBER 24: Karim Benzema of Real Madrid CF looks on during the La Liga Santander match between FC Barcelona and Real Madrid CF at Camp Nou on October 24, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Dura lex, sed lex, dicevano i latini. E, volendo rimanere nel tema, la legge è uguale per tutti. Persino per i calciatori. Che, se infrangono qualche norma, pagano come tutti gli altri. Multe, servizi sociali e, perchè no, a volte anche il carcere. Essere ricchi e famosi non significa per forza avere la fedina penale immacolata. Lo dimostra questa carrellata di storie, che parte da quella di Benzema, condannato a un anno con la condizionale per la brutta storia del ricatto al compagno di nazionale Valbuena. E anche tralasciando i problemi strettamente legati al calcio (come le scommesse), c'è comunque di che leggere. Tra risse, problemi di alcool e...terrorismo, ecco chi nella sua carriera ha avuto problemi con la legge.