Reyes, la tristezza e le rivelazioni: sua moglie scrive una lettera straziante, ma la macchina andava a 237 km/h

Reyes, la tristezza e le rivelazioni: sua moglie scrive una lettera straziante, ma la macchina andava a 237 km/h

Siviglia si ferma per dare un ultimo saluto al suo eroe. E Noelia López, moglie di Josè Antonio Reyes, ha lasciato un pensiero sul suo profilo Instagram. Una lettera che racconta un dolore devastante. Che però potrebbe essere anche aumentato dalle circostanze dell’incidente…

di Redazione Il Posticipo

Siviglia si ferma per dare un ultimo saluto al suo eroe. E non solo la parte biancorossa, quella per cui Josè Antonio Reyes è sceso in campo per 253 volte in carriera. Anche i tifosi del Betis non hanno potuto esimersi dallo stringersi a tutti i concittadini per la veglia funebre e il funerale dello spagnolo, morto a neanche 36 anni in uno schianto tremendo nella sua città natale di Utrera. Lo stadio del Siviglia ha permesso a undicimila tifosi di omaggiare il campione scomparso e la chiesa di Santa María de Utrera ha accolto parenti e amici per l’ultimo viaggio di Reyes.

LETTERA – Tutti a dare forza a Noelia López, sua moglie, che ha lasciato un pensiero sul suo profilo Instagram. Una lettera che racconta un dolore devastante. “Amore mio, non posso sopportare questo dolore. Ti porti con me la mia voglia di vivere. Devo dirti addio, ma non ne ho la forza. E sarebbe un arrivederci, perchè io e te saremo per sempre insieme. Aiutami, perchè non immagino la mia vita senza di te. Aiutami a crescere le nostre bambin. Dammi forza, perchè ora non ce l’ho. Mi guarderai dagli occhi di Noelia e sorriderai con me sul viso di Triana. Ti amo e ti amerò per sempre”.

VELOCITÁ – Ma a fare da contraltare a questo momento commovente, arriva un’indiscrezione di Mundo Deportivo sulle dinamiche dell’incidente. Da quanto riporta il quotidiano spagnolo, l’auto di Reyes andava a quasi 240 km/h al momento dello schianto. Per la precisione, 237 km/h. A una velocità del genere, lo scoppio di uno pneumatico ha fatto perdere il controllo al calciatore. La vettura ha sbattuto su un muro e ha preso fuoco, distruggendosi quasi completamente. Questo, secondo Mundo Deportivo, il verbale della Guardia Civil, che si è occupata dei rilevamenti dell’incidente, in cui è morto anche il cugino di Reyes. Non che saperlo cambi molto alla sua famiglia…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy