Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rescindere con Ramos non è semplice: il PSG deve pensarci bene…

(Photo by Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

Il Le Parisien ha lasciato intendere che il PSG potrebbe prendere in considerazione la risoluzione del contratto di Sergio Ramos, che non è ancora riuscito a mettere piede in campo con la sua nuova squadra e ancora non si sa se e quando potrà...

Redazione Il Posticipo

Il Le Parisien ha lasciato intendere che il PSG potrebbe prendere in considerazione la risoluzione del contratto di Sergio Ramos, che non è ancora riuscito a mettere piede in campo con la sua nuova squadra e ancora non si sa se e quando potrà farlo. Esattamente come è complicato stabilire se al club parigino convenga rescindere il rapporto che lega Ramos e la squadra della capitale sino al giugno del 2023.

RISOLUZIONE - L'ex difensore centrale del Real Madrid ha firmato in estate un contratto per le prossime due stagioni a circa 10 milioni di euro al mese. Una somma che non spaventa gli sceicchi, purché Ramos scenda in campo. Valutare la rescissione significa invece impelagarsi in una situazione potenzialmente complicata. L'articolo 17 del Regolamento sullo statuto e il trasferimento dei calciatori non lascia molti spazi di manovra. In ogni caso l PSG dovrà pagare Ramos.  Lo scenario è il seguente. "In qualsiasi caso, la parte che risolve il contratto si impegna a corrispondere un risarcimento. Fermo restando quanto previsto in materia di risarcimento dall'articolo 20 e allegato 4 e fatto salvo diversa pattuizione contrattuale, l'indennità per inadempienza sarà calcolata tenendo conto della normativa nazionale, delle caratteristiche dello sport e di altri criteri oggettivi”.

(Photo by Pablo Blazquez Dominguez/Getty Images)

INDENNIZZO -  Quali siano i criteri è ulteriomente specificato. "L' indennizzo è fissato in base alla retribuzione e agli altri benefici spettanti al giocatore in base al contratto in corso o al nuovo contratto, al tempo contrattuale residuo, fino a un massimo di cinque anni, agli onorari e alle spese erogati da il club precedente (ammortizzato lungo la durata del contratto". Inoltre la risoluzione del contratto deve avvenire "in un periodo protetto”. In questo caso secondo quanto riportato dal Mundo Deportivo il PSG, qualora risolvesse il contratto, sarebbe esposto a una sanzione, oltre al risarcimento perché il licenziamento sarebbe considerato senza giusta causa. E ciò determinerebbe delle sanzioni. che possono arrivare, nel peggiore dei casi, al divieto di acquisti per le prossime due finestre. Resta da capire però, se il PSG si sia tutelato inserendo nel contratto vi siano clausole di  legate alla "summa" di infortuni. Ipotesi che cambierebbe lo scenario e che non è esclusa oltre i Pirenei.