Rennes, il tecnico Stephan blinda Camavinga: “Meglio che resti ancora un altro anno”

L’allenatore della squadra francese ritiene che per il ragazzo la soluzione ideale sia giocare in Ligue1.

di Redazione Il Posticipo

Camavinga è già un pezzo pregiato del mercato. Il calciatore del Rennes è già nel mirino di diverse big, ma, come riporta il Mundo Deportivo, Julien Stephan, tecnico della squadra francese, ritiene che per il ragazzo la soluzione ideale sia quella di restare un’altra stagione in Ligue1. Ipotesi, fra l’altro, che non dispiacerebbe neanche al club considerando che l’impatto del Covid-19 sull’economia rischia inevitabilmente di ridimensionare il prezzo.

RESTA – L’allenatore della squadra bretone parla della possibilità che il ragazzo rimanga in Francia. “Penso che ci siano tutte le condizioni perché Camavinga possa restare con noi ancora un anno. Sarebbe una soluzione giusta anche per lui rimanere ancora una stagione. Ha ancora margini di miglioramento ma deve confermarsi su diversi aspetti ed è meglio che lo faccia esprimendosi in un ambiente che conosce bene, indossando la maglia di in un club che ha cieca fiducia in lui e gli può dare ogni forma di garanzia. Qui è circondato da persone che lo conoscono perfettamente”.

FRETTA – Stephan ritiene che la fretta possa essere una cattiva consigliera. Il tecnico ha già parlato più di una volta del futuro della sua giovane stella, resa ancora più “trattenibile” grazie anche a diverse contingenze. Il Rennes avrà la possibilità di giocare ancora in Champions, dunque non ha molte necessità di vendere. Quindi, il calciatore può proseguire il suo percorso di crescita a… casa. “Restare qui il prossimo anno e riproporre tutte le cose buone che ha già fatto sarà la sua prossima tappa. Per il futuro,  vedremo. Il suo potenziale è enorme, ma conosciamo le difficoltà connesse alla competizione ai massimi livelli. Dobbiamo lasciarlo crescere e ora la cosa più importante per lui è che si diverta sul campo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy