Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Regragui: “In campo per noi, l’Africa e il mondo arabo. Ronaldo? A non leggerlo in formazione sarei felice”

Regragui: “In campo per noi, l’Africa e il mondo arabo. Ronaldo? A non leggerlo in formazione sarei felice” - immagine 1
Più di una nazionale. Il Marocco unisce l'Africa e il mondo arabo. L'allenatore ne è consapevole.

Redazione Il Posticipo

Il Marocco gioca per la storia. Potrebbe essere la prima nazione africana a raggiungere le semifinali di un campionato nel mondo nonché l'unica nazione a maggioranza islamica a restare in Qatar per tutta la durata del torneo. Regragui, commissario tecnico del Marocco, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia della sfida contro i lusitani.

UNIONE

—  

Più di una nazionale. Il Marocco unisce l'Africa e il mondo arabo. L'allenatore ne è consapevole. "Sono tutti molto orgogliosi del paese e della squadra, abbiamo alle spalle un continente intero e tutto il popolo arabo. Siamo consapevoli di questa spinta e felici di averla perché sappiamo quanto sia importante ma prima di tutto scendiamo in campo per il Marocco, siamo qui per vincere le partite e fare più strada possibile in questo torneo. La squadra era consapevole di poter recitare un ruolo importante in questa competizione e si è compattata. L'atmosfera è positiva, ci si comporta e si vive come se si fosse in famiglia e questo sentimento si avverte anche dall'esterno. Le persone si identificano in una squadra che sta unendo un paese. E questo è un traguardo molto più importante dei soldi e dei titoli".

Regragui: “In campo per noi, l’Africa e il mondo arabo. Ronaldo? A non leggerlo in formazione sarei felice” - immagine 1

PORTOGALLO

—  

A 90' o forse 120' dalle semifinali ma fra il dire e il fare c'è di mezzo il mare. Nel senso più pieno del termine. Il Portogallo ha mostrato i muscoli contro la Svizzera. Anche se cono ogni probabilità inizierà senza Cristiano Ronaldo. "Sarei abbastanza felice di non leggere il nome di CR7 nelle distinte prepartita, anche se la squadra, senza il suo apporto, ha vinto comunque 6-1 con la Svizzera. Significa che è una squadra di assoluto rispetto, con tantissime soluzioni. Il Marocco però non la teme. La nostra è una nazionale composta da calciatori abituati ad affrontare sfide di altissimo livello contro avversari di spessore. Abbiamo un piano e cercheremo di sorprendere tutti ancora una volta ma per riuscirci dobbiamo restare concentrati su di noi e saper leggere la partita in ogni momento".