Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Reggina, la furia di Taibi: “Oggi si è toccato il fondo. Var inutile, aboliamolo e accettiamo l’errore umano”

Reggina, la furia di Taibi: “Oggi si è toccato il fondo. Var inutile, aboliamolo e accettiamo l’errore umano” - immagine 1
L'ex portiere furioso dopo il pari con il Benevento.

Redazione Il Posticipo

La sfida fra Campioni del Mondo 2006 in panchina lascia in eredità tantissime polemiche. Inzaghi si fa raggiungere da Cannavaro dopo essere stato avanti 2-0, ma il gol del pari del Benevento ha fatto discutere. Sulla traiettoria del tiro c'è Capellini, a terra e in fuorigioco, che sembra ostacolare la visuale di Ravaglia. Zufferli però non cambia idea. Scelta che ha innervosito, eufemismo, il direttore sportivo dei calabresi che ha lanciato una proposta destinata a far rumore. Cancellare la VAR dal calcio.

BASTA

—  

Taibi non ha lasciato spazio alle interpretazioni nel suo intervento ai margini della sfida del Granillo. "Il Benevento è sicuramente una squadra di altissimo livello e merita senza dubbio di essere più in alto in classifica dunque non posso lamentarmi del risultato, ma di come è maturato. Il 2-2 era da annullare. E il primo gol sannita è arrivato da un calcio d'angolo inesistente. Non so cosa abbiano visto in sala VAR, non capisco come non si possa segnalare che il giocatore del Benevento a terra è da ostacolo alla visuale del portiere".

Reggina, la furia di Taibi: “Oggi si è toccato il fondo. Var inutile, aboliamolo e accettiamo l’errore umano” - immagine 1

ELIMINAZIONE

—  

Taibi vorrebbe chiarezza nei criteri di ricerca. E come riportato da tuttoregginaweb  ritiene che sarebbe anche il caso di accantonare l'occhio elettronico. "Non mi sono chiari i criteri legati alle decisioni arbitrali. C'è chi si prende la responsabilità delle proprie scelte e chi invece no. Sono perfettamente consapevole che l'arbitro possa sbagliare una valutazione, ma non posso fare a meno di notare che spesso il VAR non gli è di aiuto. Ci si potrebbero mettere gli ex calciatori. Oppure, a questo punto, ritengo sia il caso di eliminarlo e di accettare l'errore umano dell'unico direttore di gara in campo. Credo che oggi si sia toccato davvero il fondo. Non mi interessa delle favole che ci racconteranno gli esperti del settore, sono proprio stufo anche perché sono consapevole che queste parole cadranno nel vuoto. Se mi chiamassero a Coverciano per parlare con la VAR non mi presenterei".