Real, i mal di pancia di Marcelo: contesta la sostituzione e gli manca Cristiano…

Il brasiliano si dice sorpreso della decisione di Lopetegui di sostituirlo a trenta minuti dalla fine del match. E continua a lanciare messaggi all’amico Ronaldo…

di Redazione Il Posticipo

Con l’addio di Cristiano Ronaldo, la lista dei veri insostituibili del Real Madrid sembrava essersi ridotta a due soli calciatori. El Gran Capitan Sergio Ramos e l’inesauribile Marcelo, le due rocce su cui si basa la fortezza dei Blancos. E invece Lopetegui ribalta la convinzione, perchè nella partita vinta contro il Girona il tecnico al minuto 60 ha sostituito per scelta tecnica proprio il brasiliano, che non l’ha presa molto bene. Del resto, quando inizia il match il numero 12 è abituato a giocare sempre tutti i 90 minuti. L’ultima volta che nella Liga gli era successo di tornare in panchina in anticipo è datata ottobre 2017…sempre contro il Girona.

SORPRESA – E il brasiliano non si è nascosto dietro un dito nelle interviste post-partita. Come riporta As, il terzino ha manifestato la sua sorpresa per una sostituzione decisamente inaspettata. “Il cambio mi ha sorpreso, ma rispetto la decisione del mister. Potevo continuare a giocare perchè mi sento bene, sono al 100%. La sostituzione non l’ho capita ma la rispetto, è una decisione dell’allenatore. Ma io voglio giocare sempre“. Frecciatina a Lopetegui, che con alcuni calciatori del gruppo storico del Real (come Modric e Varane, di nuovo entrambi impiegati solo a partita in corso) non sembra aver iniziato decisamente con il piede giusto.

NOSTALGIA – E al Real ci sono altri due casi spinosi. Quello che riguarda Vinicius viene sorvolato, mentre il dualismo tra Navas e Courtois, che ancora aspetta il suo esordio, viene affrontato anche dal numero 12 dei Blancos. Che esprime…una preferenza. “Vedo molto bene Keylor, abbiamo due portieri forti che possono giocare, la decisione non spetta a me ma Keylor è stato fantastico, sono contento per lui”. E nelle dichiarazioni Marcelo si lascia anche andare a un po’ di nostalgia per un amico che ha cambiato squadra. La domanda su Cristiano Ronaldo è prevedibile, così come la risposta del brasiliano. “Cristiano è il migliore del mondo ed è chiaro che manca qualcosa senza di lui“. E la Juventus, che sempre secondo As non ha ancora smesso di sognare di portare il verdeoro a Torino, sorride sotto i baffi…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy