Real fuori da tutto a marzo… come nel 2006 quando Perez si è dimesso! E Zidane aveva lasciato il calcio…

I Blancos sono usciti da tutte le competizioni nell’arco di una settimana: qualcosa di simile era già successo tredici anni fa. Quella volta per l’operazione rilancio erano arrivati anche tre ex juventini “in fuga” dall’Italia per Calciopoli…

di Redazione Il Posticipo

In fondo a Madrid… ci sono abituati! Il 2019 verrà ricordato come uno degli anni più complicati della storia del Real, ma anche il 2006 non è stato immune da atroci delusioni. Anche allora i Blancos erano fuori da tutto a marzo: troppo forti il Barcellona nella Liga (+10 sul Real dopo 26 giornate), la Real Saragozza nelle semifinali di Coppa del Re (6-1 alla Romareda, 4-0 al Santiago Bernabeu) e l’Arsenal (0-1 in Spagna, 0-0 in Inghilterra). L’8 marzo 2006 il Blancos erano fuori da tutto, avevano cambiato un allenatore (Luxemburgo fino alla 14ª giornata della Liga, Juan Ramón Lopez Caro per la parte restante della stagione) e avevano perso per strada Florentino Perez, dimissionario il 27 febbraio. Quest’anno lo scenario è diverso in questo senso, ma è pronta comunque… la rivoluzione!

CIAO ZIZOU – Come ricostruito da As, alla fine della stagione 2005-06 il Real ha fatto la rivoluzione: tanti cambiamenti in difesa (Woodgate, Diogo, Arbeloa e Juanfran) e a centrocampo (Gravesen, Jurado e Pablo Garcia), qualche partenza anche in attacco (Julio Baptista e Soldado). Ma l’addio più pesante quell’anno è stato quello di Zidane, che si è ritirato dal calcio giocato dopo la finale persa con la Francia al Mondiale 2006. D’estate il Real ha cambiato pelle: preso il campione del mondo Fabio Cannavaro, che ha lasciato la Juve quando è scoppiata Calciopoli come Emerson e il mister Capello. Oltre a questi tre acquisti, al Real sono arrivati anche Mahamadou Diarra, José Antonio Reyes e il bomber Van Nistelrooy.

RIVOLUZIONE 2019 – Questa volta il primo a saltare sarà il tecnico Solari: al suo posto potrebbe arrivare uno tra Pochettino, Allegri, Löw come riportato dalla stampa spagnola, ma in ballo ci sono anche la leggenda Raul e a sorpresa Zidane che ha rassegnato le dimissioni la scorsa estate. Sono tanti i giocatori con la valigia in mano: da Marcelo a Isco fino a Keylor Navas, finiti nel dimenticatoio sotto la gestione Solari. Ad accendere il mercato la prossima estate sarà anche Bale, in rotta con squadra e ambiente. Anche Kroos non se la sta passando bene a Madrid e potrebbe valutare l’ipotesi di partire. Più difficile che lasci il Real invece Modric: il Pallone d’Oro ha rinnovato il suo contratto. Chi arriverà? Difficile dirlo adesso: in attacco piacciono Mbappé e Neymar, ma solo uno dei due potrebbe arrivare a Madrid. Alla finestra c’è sempre Hazard che negli scorsi mesi non ha mai nascosto di sognare la camiseta blanca: anche se il Real che piaceva al belga era quello di Zidane… quello che adesso non esiste definitivamente più!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy