Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Real, è crisi nera: Florentino cancella i premi alla squadra e chiede altri sacrifici

VALENCIA, SPAIN - FEBRUARY 22: Florenitno Perez, president of Real Madrid prior the Liga match between Levante UD and Real Madrid CF at Ciutat de Valencia on February 22, 2020 in Valencia, Spain. (Photo by Eric Alonso/Getty Images)

I Blancos rimarranno all'asciutto per il secondo anno consecutivo anche se dovessero vincere sia il campionato che la Champions League. Tutta colpa della crisi, che sta agitando parecchio le acque al Bernabeu...

Redazione Il Posticipo

Il calcio sarà anche diventato business, come conferma benissimo la questione Superlega, ma sotto sotto resta pur sempre uno sport. E quindi competizione, in cui la massima soddisfazione è vincere e dimostrarsi i migliori. Vero, tutto vero, ma qualche soldino fa sempre comodo. Dunque nascono i premi, quelli che una società di solito promette a inizio stagione alla rosa in caso di conquista di trofei o di un buon piazzamento in campionato. Qualcosa che accomuna tutti, piccoli e grandi club. E soprattutto che in questo momento sta creando più di qualche grattacapo al Real Madrid. Come spiega Marca, i Blancos rimarranno all'asciutto per il secondo anno consecutivo anche se dovessero vincere sia il campionato che la Champions League.

PREMI - Del resto la crisi è crisi e Florentino Perez, nel suo...tour promozionale della Superlega lo ha spiegato bene. I conti del Real Madrid fanno acqua e con il progetto di giocare un redditizio campionato a parte ormai fallito, c'è da inventarsi qualcosa per farli quadrare. Dunque, niente rinnovo faraonico a Sergio Ramos, che sembra sempre più vicino al clamoroso addio, ma anche niente premi. In caso di vittoria in campionato o in Europa, Zidane e i suoi dovranno accontentarsi semplicemente della gloria. E dire che il cammino continentale della squadra sta anche facendo un bel favore a chi gestisce le casse del club, considerando che arrivare in semifinale di Champions porta quasi 100 milioni al Real e che in caso di vittoria a Istanbul gli incassi dovrebbero arrivare a 115 milioni.

CRISI - Ma in un momento così complicato, quei soldi dovranno servire tutti quanti per riequilibrare le perdite stagionali denunciate da Florentino nel discorso sulla instabilità economica dei club che hanno firmato per la Superlega. E non finisce qui, perchè a parte la cancellazione dei premi, il Real insiste con i suoi calciatori su un ribasso salariale che fa parecchio discutere. A Sergio Ramos l'idea non è piaciuta, al punto da convincerlo a non firmare il rinnovo. E anche gli altri calciatori non sono poi così convinti di rinunciare a parte di uno stipendio concordato con regolari trattative e senza che nessuno puntasse una pistola alla testa del Real. Ma i problemi economici sono reali e acuiti dalle partite a porte chiuse. Marca spiega che i cinque match stagionali casalinghi in Champions avrebbero fruttato circa 40 milioni al club con la vendita dei biglietti. Ma quei soldi non ci sono...e quindi neanche i premi...