Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Isco rimane senza “Quinta” a Bale bastano 7′ ma nessuno come Kovacic: 4 Champions League in… 17′

Isco rimane senza “Quinta” a Bale bastano 7′ ma nessuno come Kovacic: 4 Champions League in… 17′ - immagine 1

Il calciatore... resiste: è l’unico giocatore che ha vinto 4 Champions League in... 17 minuti.

Redazione Il Posticipo

La finale di Parigi incorona il Real e consegna alla storia praticamente... mezza squadra.  A Bale sono sufficienti 7' in campo per entrare nel novero di chi ha sollevato cinque Champions. Isco invece è beffato: non ha giocato un solo minuto nella competizione, quindi non si fregia del titolo di Campione d'Europa.  Eppure il record più incredibile è e resta saldamente nelle mani di Kovacic. L'ex centrocampista di Inter e Real Madrid è l’unico giocatore che ha vinto 4 Champions League in... 17 minuti. Difficile migliorarsi, considerando che ne vince una ogni meno di cinque minuti.

LE PRIME 2 - Nella stagione 2015/16, il Real Madrid si gioca la finale contro l’Atletico Madrid del Cholo Simeone. La partita viene decisa in favore dei blancos ai calci di rigore dove il centrocampista croato non solo non ne ha tirato nemmeno uno ma non era nemmeno in panchina. Eppure faceva parte della squadra, sebbene in tribuna, così la medaglia in bacheca se la mette anche lui. L’anno successivo il Real vince di nuovo in finale contro la Juventus a Cardiff e Kovacic si mette al collo un’altra medaglia senza essere nemmeno entrato in campo nella capitale gallese e contro una squadra che da ex interista conosce bene.

Isco rimane senza “Quinta” a Bale bastano 7′ ma nessuno come Kovacic: 4 Champions League in… 17′- immagine 2

LE ULTIME - Un’altra finale e un’altra vittoria, l’anno successivo contro il Liverpool. Quando Zidane e Klopp si fronteggiano, il gol di Benzema e la doppietta di Gareth Bale affossano i reds capaci di andare in gol solo con Mané. Neanche in quell’occasione il centrocampista scende in campo ma è comunque Campione d'Europa. Poi il passaggio a titolo definitivo al Chelsea. Con i Blues, il croato vince un’Europa League e la sua quarta Champions giocando 17 minuti. i blues partono con il centrocampo composto da Kanté e Jorginho con Mount e Havertz più avanzati. L’ex Real Madrid subentra proprio a Mason Mount all’80’ e giocherà fino al 7’ di recupero cercando e riuscendo a contenere un Manchester City alla ricerca disperata del pareggio.