Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ravanelli: “Jorginho merita il Pallone d’oro, ma lo vincerà Messi. Scamacca e Raspadori il futuro”

30 Apr 1997:  Roberto Baggio of Italy (centre) is congratulated by Fabrizio Ravanelli (left) and Angelo Di Livio after his goal during the World Cup Qualifier against Poland in Naples, Italy. Italy won 3-0.  Mandatory Credit: Ben Radford /Allsport

Prima uscita per la squadra di Mancini dopo aver conquistato il titolo Campioni d’Europa. Si apre però un altro capitolo: questa è una tappa d’avvicinamento verso i Mondiali del Qatar. Obiettivo 2022. In tal senso, partenza lanciata,...

Redazione Il Posticipo

Prima uscita per la squadra di Mancini dopo aver conquistato il titolo Campioni d'Europa. Si apre però un altro capitolo: questa è una tappa d'avvicinamento verso i Mondiali del Qatar. Obiettivo 2022. In tal senso, partenza lanciata, quella degli azzurri di Mancini che hanno l'obbligo di non perdere il passo dopo tre vittorie consecutive. Fabrizio Ravanelli, salito sul tetto d'Europa con il club, analizza gli scenari del match prima del fischio finale. Le sue parole sono riprese da Sky Sport.

FAVORITI - Da outsider a favoriti. Cambia, e di parecchio. "Dopo che si scala la vetta, quel che è più complicato è confermarsi. Occorrono saggezza, umiltà e sapersi mettere in discussione. Servono anche nuove motivazioni. Il gioco è sempre migliorabile, ma sono fiducioso. Questo è stato il filo conduttore che ha portato ai successi all'Europeo. Adesso l'obiettivo è continuare anche in quella che è diventata una storia d'amore con il pubblico. Questa squadra è di tutti, è un movimento calcistico in crescita, credo che il compito principale sia continuare su questa strada. Davanti a noi

SINGOLI - Una squadra che oltre al gruppo ha anche enormi individualità. "Jorginho merita il Pallone d'oro ma sono sicuro che alla fine lo vincerà Messi. Donnarumma, come ha dimostrato la sua carriera, ha una personalità straordinaria, mi appare nettamente sopra la media. L'ho conosciuto ai tempi della Juventus, dovevo far tirare i calciatori dal dischetto perché da fuori area le prendeva tutte. Ha enormi qualità, unite a una straordinaria autostima, non va mai in difficoltà durante la partita".

PROSPETTIVE - Mancini insegue il record d'imbattibilità. E comunque ha rimandato l'appuntamento alla sconfitta a dopo il 2022. Sognare il Mondiale non è impossibile. Resta da capire se ci sono le basi per aprire un ciclo. Tanti i giovani in rampa di lancio.  "A livello di singoli vi sono diverse squadre più forti di noi, ma l'Italia ha qualità tecnica e una grandissima organizzazione di gioco. Ci sono diversi giocatori che a me piacciono tantissimo. E possono essere il nostro futuro come attaccanti. Scamacca e Raspadori, hanno margini incredibili di miglioramento e credo che saranno protagonisti di un grande campionato. Scamacca ha ancora molto potenziale mentre Raspadori può confermarsi ad altissimi livelli. Potrebbero far parte anche nell'immediato futuro in Qatar".