Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rapporto Pelican – Niente succede per caso: Roma, un carattere d’acciaio e la “Zona MOU”

ROME, ITALY - MARCH 20: AS Roma coach Josè Mourinho during the Serie A match between AS Roma and SS Lazio at Stadio Olimpico on March 20, 2022 in Rome, Italy. (Photo by Luciano Rossi/AS Roma via Getty Images)

Stupisce chi si stupisce della forza d'animo dei giallorossi abili come pochi a uscire alla distanza in questo campionato.

Luigi Pellicone

La Roma strappa il pareggio nel finale a Napoli. Stupisce chi si stupisce della forza d'animo dei giallorossi abili come pochi a uscire alla distanza in questo campionato.

ZONA MOU - Tanti anni fa, si definiva zona Cesarini, per la costanza del calciatore di trovare la via della rete nei minuti finali. Spostando le lancette nell'arco di questo campionato, si può parlare senza problemi di zona Mou. La Roma si conferma non solo specialista nel recuperare le partite nel finale, ma anche di trovare la via della rete in pieno recupero, quando tutte le speranze sembrano svanite. Sono ben sette, esattamente come i punti conquistati, le reti realizzate dalla squadra del tecnico portoghese a ridosso del triplice fischio finale.

PUNTI - Spesso i gol sono valsi anche delle vittorie. E solo in un caso si sono rivelati inutili.  Il primo timbro alla terza giornata di campionato, al termine di una sfida soffertissima con il Sassuolo. El Shaarawy mette la palla sotto l'incrocio e... Mourinho corre sotto la curva. La seconda rete, sempre messa segno dal Faraone, arriva nel pieno recupero della sfida con il Milan, che però non basta ai giallorossi per completare la rimonta (1-2). La Roma torna a segnare oltre il 90' alla 13esima giornata. Gyan mette a segno la sua prima doppietta in serie A al 94'. Preziosissimo, ancora contro il Sassuolo, il gol di Cristante al 94' che permette ai giallorossi di evitare la sconfitta al Mapei stadium. Ancora più sofferta la vittoria in casa dello Spezia, che arriva quasi al... 100' di gioco. Abraham mantiene la freddezza e non sbaglia dagli undici metri. Gol che permette alla Roma di violare il Picco alla 25esima. Due giornate dopo è Pellegrini a prendersi la scena in fil di sirena, ancora dal dischetto. La trasformazione evita la sconfitta in casa dell'Udinese.

CONFERENCE - Non solo campionato. E se i giallorossi sono in semifinale di Conference League è sempre merito di un gol in... fil di sirena. Protagonista, ancora una volta,  Abraham che scongiura i supplementari e i rischi annessi e connessi ai 120' contro il Vitesse con un gol al 90' che vale l'1-1 e il passaggio ai quarti di finali giocati e superati nella doppia sfida con il Bodo Glimt.