Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rapporto Pelican, niente accade per caso – Dottor Nicola, specialista in rianimazione

Rapporto Pelican, niente accade per caso – Dottor Nicola, specialista in rianimazione - immagine 1

Per credere a certe salvezze ci vogliono coraggio, un po' di follia... e Davide Nicola

Luigi Pellicone

Per credere a certe salvezze ci vogliono coraggio, un po' di follia... e Davide Nicola, il tecnico specialista in rianimazione. Quattro salvezze incredibili in cinque anni. L'immagine di Sabatini a fine partita vale da sola il prezzo del biglietto di un film horror a lieto fine. La Salernitana è crollata mentalmente dopo una rincorsa infinita, ma porta a casa un risultato che seppur straordinario non era impensabile. Certamente non per Davide Nicola, l'uomo dei miracoli.... miracolato. La salvezza, per quanto arrivi in modo poco ortodosso appartiene al DNA di un tecnico capace di centrare quattro permanenze partendo da situazioni disagiate, complicate o disperate.

La prima impresa alla guida del Crotone, nella stagione 2016/2017. Dopo un girone di andata di bassissimo livello in Calabria continuano a crederci in pochissimi.  Quando si arriva alla pausa di marzo i pitagorici hanno 14 punti in 29 partite. Condannati. Anzi no. Nessuno era stato mai capace, fino a quel momento, di ribaltare una situazione così. Nessuno tranne Nicola che ne mette insieme 20 in 9 partite e centra la salvezza all'ultimo minuto dell'ultima giornata. Il bis arriva a Genova. A dicembre del 2019 il Grifone chiama praticamente al capezzale Nicola. L'idea è di lasciare la massima serie perlomeno in modo dignitoso dopo 11 punti in 17 partite. Non se ne parla. Il tecnico esordisce e vince con il Sassuolo 2-1 e inanella 28 punti in 21 partite arrivando a quota 39, ben quattro in più del Lecce che lascia la categoria.

Non c'è due senza tre: questa volta è il Torino a chiedere aiuto dopo che Giampaolo ha lasciato i granata al terzultimo posto con 13 punti. Ancora una volta, sotto la guida dell'allenatore rianimatore, la squadra prende nuova vita. Il Torino centra la salvezza lasciandosi alle spalle il Benevento di quattro punti dopo che la cura Nicola ne sortisce 24 in 20 partite. Non c'è due senza tre. E il quarto vien da sé. L'ultimo capolavoro è a Salerno. Sabatini arriva a gennaio e spiega di non essere mai retrocesso. L'ironia si spreca, ma Nicola stupisce... chi si stupisce. 18 punti in 15 partite e sebbene sia caduto malissimo all'ultima giornata con scelte forse azzardate centra l'ennesimo miracolo sportivo ribaltando un finale che sembrava già scritto.