Ranieri soddisfatto: “Uscire a testa alta è molto importante per noi”

Sampdoria ben organizzata all’Olimpico.

di Redazione Il Posticipo

La Lazio vince soffrendo contro una Sampdoria ben organizzata che ha messo in difficoltà i biancocelesti. La squadra di Ranieri si arrende alla giocata di Luis Alberto. Il tecnico aveva chiesto una prova per capire sino a che spingersi in classifica e tutto sommato la Samp sembra più da media classifica che da salvezza. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

PRESTAZIONE – Lazio sempre sotto pressione e preoccupata. Una buona Samp, dunque, con l’unico difetto. Forse poco concreta.Forse è mancato l’ultimo passaggio. Oggi abbiamo spinto molto ma concretizzato poco. I ragazzi hanno giocato una buonissima partita contro un’ottima Lazio. Uscire a testa alta per noi è molto importante. Credo che la partita sia stata molto equilibrata, poi la Lazio l’ha aperta su un nostro errore. Non è stata una grande idea gestire la giocata, sapendo che i biancocelesti sono aggressivi sulla seconda palla. In ogni caso i nostri avversari non hanno passato un pomeriggio semplice. Li abbiamo messi sempre sul chi va là e per noi è un ottimo risultato”.

EPISODIO – La Samp ha accompagnato poco l’azione ma quando è arrivata in area di rigore si è resa pericolosa: “Lavoriamo molto ma non riusciamo ad arrivare negli ultimi sedici metri. In una occasione Quagliarella era riuscito ad arrivarci, in ogni caso non credo fosse rigore. Fabio è un professionista serissimo, si diverte in allenamento e non molla mai. Cerco di farlo giocare dove penso che possiamo dargli qualche possibilità in più. Oggi ha cercato di mandare in gol Ramirez e Balde, non c’è riuscito ma ha abbinato come sempre qualità e sacrificio”. Resta la buona prestazione. Nonostante qualche critica che non ha digerito. “C’è chi si diverte a fare il bastian contrario e parlare di partite non all’altezza. Credo che in serie A capiti di giocare partite non belle. Criticare una squadra che si sta tirando fuori con anticipo dalla zona brutta in cui, lo scorso anno, è stata per tre anni di campionato mi sembra eccessivo. E per questo ritengo che i ragazzi meritino di essere protetti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy