Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ranieri: “Perso per un gol rocambolesco. Complimenti a loro, miei e anche all’arbitro. Non è rigore”

GENOA, ITALY - NOVEMBER 26: Claudio Ranieri head coach of UC Sampdoria during the Coppa Italia match between UC Sampdoria and Genoa CFC at Stadio Luigi Ferraris on November 26, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

La Sampdoria non riesce a far punti in casa del Sassuolo.

Redazione Il Posticipo

La Sampdoria torna a mani vuote dalla trasferta in casa del Sassuolo con un pizzico di amarezza. I blucerchiati se la sono giocata alla pari e si sono arresi solo a una prodezza di Berardi che si è di fatto inventato il gol decisivo ai fini del risultato finale. Ranieri al termine della sfida analizza la partita ai microfoni di DAZN.

GIOCATA - La Sampdoria si è comunque giocata la partita con l'impegno preteso dal suo allenatore e può recriminare su qualche episodio. Il palo di Jankto e l'assedio finale non sono bastati. "Sono molto soddisfatto del primo tempo, quando siamo riusciti a imbrigliare il Sassuolo. Dovevamo solo essere più abili e precisi nelle ripartenze. Nel secondo tempo siamo calati e abbiamo subito un po', ma il gol è stato rocambolesco nato da un'azione in cui eravamo in controllo. Complimenti a loto, comunque, ma anche complimenti ai miei e anche all'arbitro. Quello a fine gara non è calcio di rigore. Ha diretto la gara con personalità e attenzione, le due squadre lo hanno anche aiutato, è andata bene. Se devo trovare un qualcosa che non è andata come speravo, dovevamo avere un po' di forza nelle gambe in più ma non era facile pressare una squadra che gioca a due tocchi. Sono comunque contento della prestazione".

PROSPETTIVE - Il rischio è che a metà classifica si formi una sorta di ventre molle del campionato dove gli stimoli possano fare nel bene e nel male la differenza. Ranieri ha fissati da tempo l'obiettivo. E l'assalto finale alla caccia del pareggio fotografa perfettamente la mentalità che accompagna la Samp. Magari anche l'anno prossimo. "La squadra è presente, produttiva, anche chi entra in campo si impegna moltissimo. Sono molto soddisfatto della prestazione di Candreva oggi è stato un po' il nostro regista ma è stato ugualmente in grado di farsi sentire. Ha disputato un ottima stagione. Il mio rinnovo? Se ne parla da tempo se tutto andrà bene presto ci sarà l'incontro definitivo, aspettiamo serenamente. Io sono tranquillo".