Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ranieri: “Non ho ansia per il rinnovo. Chi mi vuole far divertire, mi chiami. Io primadonna? Ci perderei…”

GENOA, ITALY - NOVEMBER 26: Claudio Ranieri head coach of UC Sampdoria during the Coppa Italia match between UC Sampdoria and Genoa CFC at Stadio Luigi Ferraris on November 26, 2020 in Genoa, Italy. (Photo by Paolo Rattini/Getty Images)

Il tecnico della Sampdoria a tutto campo nel dopopartita

Redazione Il Posticipo

La Sampdoria si arrende al Napoli. Blucerchiati che non reggono l'onda d'urto di una squadra in grande salute e che è apparsa maggiormente determinata nella ricerca del risultato. Questione di stimoli ma anche di qualità. Quella messa in campo dagli ospiti è apparsa superiore. Anche se resta qualche recriminazione. Ranieri analizza la sfida ai microfono di Sky Sport.

Io faccio l'arbitro solo nelle partitelle fra i miei. Se l'avversario si disinteressa della palla e dà un ancata fischierei fallo, ma io non dirigo le partite quindi mi sto zitto. La Samp ha giocato, ma non posso pretendere che la squadra pressi per tutta la partita. Quando abbiamo allentato il Napoli ne ha approfittato. La gara è stata comunque bella, combattuta e difficile. Devo fare i complimenti sia alla mia squadra che a Gattuso". Un abbraccio sincero fra i due a fine gare.  "Gli ho detto un sacco di cose, da fratello maggiore. In primis, gli ho fatto i complimenti. Ho sempre detto che era un grande allenatore. Ed è sbagliato dire che le sue squadre siano tutta grinta. Anzi, hanno una buona proposta di calcio".

FUTURO - Più che del risultato tiene banco il futuro del tecnico. Il rinnovo non è stato firmato. E la sensazione è che Ranieri non abbia gradito alcuni sondaggi legati ai nomi dei possibili successori su quella che, almeno sino a giugno, è la sua panchina. "Sono state scritte e dette tante cose. Io intanto voglio arrivare a 52 punti. Il presidente sa dove sono, se mi vuole parlare sono a disposizione. Non mi sento sulla graticola né ho fretta. Ho la massima serenità. Da quando è nato il calcio, gli allenatori sono in discussione. Siamo professionisti e dobbiamo conviverci. Non ho ansia, mi voglio solo divertire e se c'è qualcuno che mi fa divertire io sono pronto. Io primadonna? Perderei sempre..."