Ranieri e mamma Renata, un…vice-allenatore di 99 anni!

Ranieri al Fulham si ritrova un vice-allenatore…e se ne porta un altro. Dal vecchio staff, quello che ha già lavorato con Jokanovic, King Claudio potrà contare su Scott Parker. Ma per altri consigli, potrà chiedere a mamma Renata. Che non è nuova a fare…da vice a suo figlio!

di Redazione Il Posticipo

Ranieri al Fulham si ritrova un vice-allenatore…e se ne porta un altro. Dal vecchio staff, quello che ha già lavorato con Jokanovic, King Claudio potrà contare su Scott Parker, ex calciatore dei Cottagers che ha appeso gli scarpini al chiodo nel 2017 dopo molte stagioni a Londra e che quindi conosce bene l’ambiente. Ma siccome di aiuto è sempre meglio averne più possibile, una voce in più per dare consigli non farà certo male. E quindi, come riporta il Sun, Ranieri potrebbe chiedere qualche parere a una persona parecchio autorevole per tirare fuori dai guai il Fulham. Del resto, la mamma è sempre la mamma.

MAMMA – La signora Renata, 99 anni, non è del resto nuova a fare da…vice a suo figlio Claudio. Come ha confermato più volte il tecnico, ai tempi della sua esperienza al Chelsea sua madre gli chiedeva spesso i motivi dell’esclusione dall’undici titolare di un calciatore, che evidentemente le piaceva molto. “Perchè non metti Damien Duff in campo?”. L’irlandese ha lasciato il calcio, ma il parere della signora Renata continua a contare molto. “Mia madre ha 99 anni e ama il calcio. Tifa Roma, ma adesso ovviamente anche Fulham. Anzi, mi ha telefonato ed ero troppo impegnato, dovrei richiamarla…”. Per chiedere consiglio? Chissà.

SCOTTY – Intanto, c’è il vice…ufficiale con cui fare il punto su cosa serve al Fulham per salvarsi. E per Ranieri, Scott Parker è una certezza. “Scotty è importante, perchè quando penso a qualcosa posso dire ‘Hey, Scotty, che ne dici?’. È il mio assistente, conosce il club ma soprattutto per me è fondamentale che conosca i calciatori molto bene. E poi a volte mi viene un’idea e posso chiedergli un parere. ‘Scotty, cosa ne pensi di questo, questo e quest’altro?’. E mi fido di lui”. Come risolvere i problemi della squadra? Ranieri conferma il vecchio metodo. “Sarò ancora il Tinkerman e penserò in maniera intelligente. Darò alla squadra messaggi positivi, perchè dobbiamo mostrare il nostro spirito combattivo”. Insomma, quello che direbbe un genitore ai suoi figli. E chissà che mamma Renata non ci abbia messo lo zampino!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy