Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rangnick in difficoltà, lo United chiede aiuto a Phelan, il numero due di Ferguson

(Photo by Reinaldo Coddou H./Bongarts/Getty Images)

Il Manchester United è nel caos e la dirigenza ha deciso di correre ai ripari.

Redazione Il Posticipo

Il Manchester United è nel caos e la dirigenza ha deciso di correre ai ripari. Phelan, storico numero due di Ferguson, è stato confermato a Carrington e la sua posizione, secondo quanto riportato dal Sun, è addirittura rafforzata dopo il ko interno con il Wolverhampton.

RANGNICK - Secondo quanto riportato oltremanica, Rangnick ha perso la rotta e il comando dello spogliatoio. Il ruolo ad interim del tecnico è solo una delle cause che hanno portato a una profonda spaccatura in uno spogliatoio che ha bisogno di un collante. Individuato proprio in Phelan che si è intrattenuto per circa due in un colloquio con Rangnick mirato a ricompattare il gruppo. Da quanto filtra dal centro sportivo, diversi top player ritengono che alcuni compagni di squadra abbiamo troppa influenza sulle scelte del tecnico. E che alcuni calciatori scendano in campo per una sorta di diritto precostituito a prescindere delle loro prestazioni. Insomma, quanto basta per trasformare lo spogliatoio in una polveriera.

 MANCHESTER, ENGLAND - JANUARY 03: Joao Moutinho of Wolverhampton Wanderers celebrates after scoring their side's first goal during the Premier League match between Manchester United and Wolverhampton Wanderers at Old Trafford on January 03, 2022 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

DEMORALIZZATI - Una fonte, rimasta anonima, contattata dal tabloid, ha dipinto un quadro che, se confermato, sarebbe allarmante. Sembra che un numero crescente di giocatori  rimasti ai margini con Solskjaer stia subendo lo stesso trattamento sotto Rangnick che non convince neanche dal punto di vista tecnico. "I giocatori hanno le loro cricche e un tanti sono demoralizzati.  C'è la convinzione all'interno di una sezione della squadra che alcuni giocatori vengano scelti e mandati in campo indipendentemente dalle loro prestazioni. C'è il caos e tanti scontenti. Almeno 11 giocatori vogliono lasciare il club dopo la fine di questa stagione. E in generale c'è grossa delusione legata alle scelte tattiche".

INDEBOLITO - La sensazione è che la posizione dell'allenatore sia molto indebolita, complici anche i risultati ottenuti. Nessun vero cambio di marcia, vittorie stentate contro le squadre di media o bassa classifica e alla primo vero confronto con una squadra dall'impianto di gioco collaudato è arrivata la sconfitta.