Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rangers, quando Gascoigne fu il “tutor” di Gattuso…

Rangers, quando Gascoigne fu il “tutor” di Gattuso… - immagine 1

Una annata ricca di aneddoti e scherzi, raccontati in un podcast da Ally McCoist. 

Redazione Il Posticipo

Glasgow, sponda Rangers, stagione 1997/98, quando con la maglia dei protestanti Rangers giocavano insieme  Gattuso e Paul Gascoigne. Una annata ricca di aneddoti e scherzi, raccontati in un podcast da Ally McCoist.

TUTOR - La prima accoglienza: un bisognino lasciati sui calzini.  Memorabile, poi, la preparazione all'Old Firm. In quella settimana, come raccontato qualche tempo da dalla versione scozzese del Sun.  inizio settimana il tecnico dei Rangers Walter Smith mette subito in chiaro le cose: niente interventi pericolosi. Il problema è spiegarlo a Gattuso che in allenamento è, bontà sua, sempre uno dei più irruenti e non ha ancora dimestichezza con la lingua.  E a quel punto Smith ha una pericolosa illuminazione. Decide di chiedere aiuto a Paul Gascoigne. Idea dal presupposto tutto sommato logica. Gazza, con i suoi tre anni trascorsi alla Lazio, può certamente fungere da "tutor" per Ringhio, almeno linguisticamente parlando. Peccato però che si stia parlando di Gazza, non esattamente il più affidabile degli uomini in rosa.

Rangers, quando Gascoigne fu il “tutor” di Gattuso… - immagine 1

SCHERZO - In rosa ci sono anche Amoruso, Negri e Porrini, che forse potrebbero risultare più utili ma alla fine il prescelto è Gascoigne. E l'inglese assolve il suo compito alla perfezione, prendendo da parte Rino e spiegandogli. a mpdp suo. cosa voleva dirgli l'allenatore. Cioè che l'Old Firm è una partita da uomini duri, che non bisogna mai tirare indietro la gamba e che se Gattuso non dimostrerà in allenamento la cattiveria agonistica necessaria, Smith sarà costretto a tenerlo in panchina per il match contro il Celtic. Ed il piano di Gazza, che praticamente ha appena invitato a nozze Ringhio, funziona a meraviglia. Al punto che a distanza di vent'anni McCoist ancora non riesce a trattenere le lacrime dalle risate ripensando ai tackle omicidi del giovanissimo Gattuso in quella settimana. I compagni si lamentano, ma Gascoigne ogni volta se la ride in disparte. Ma tutto è bene ciò che finisce bene, perché alla fine Ringhio il derby lo gioca e lo vince.