Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ramos trova un difensore…in un attaccante: “Non ho mai affrontato un centrale così amabile”

Ramos trova un difensore…in un attaccante: “Non ho mai affrontato un centrale così amabile” - immagine 1

Persino il "cattivo" per eccellenza del calcio europeo, Sergio Ramos, ha trovato...un difensore. Lui, che quel ruolo lo fa di mestiere, viene elogiato dal norvegese King, un attaccante. Si è rivoltato il mondo?

Redazione Il Posticipo

Quando ci si fa una cattiva fama, diventa complicato far cambiare idea agli altri. I pregiudizi corrono più della realtà delle cose e alla fine è quasi impossibile cancellarli. Basterebbe pensare al "cattivo" per eccellenza del calcio europeo: Sergio Ramos. L'ex Gran Capitan del Real Madrid e della Spagna, attualmente in forza al Paris Saint-Germain, è quasi all'unanimità uno dei più giocatori più bersagliati. Lo apprezzano soltanto i tifosi dei Blancos e del PSG e...neanche tutti. Ma cosa gli viene rimproverato? Un gioco al limite del regolamento e a volte oltre, atteggiamenti sopra le righe e una certa propensione alla sceneggiata e alla provocazione. Ma è davvero così?

ATTACCANTE...DIFENSORE - Strano ma vero, stavolta Sergio Ramos ha trovato...un difensore. Lui, che quel ruolo lo fa di mestiere, viene elogiato da un attaccante. Si è rivoltato il mondo? Chissà. Ma le parole del norvegese Josuha King lasciano perlomeno perplessi. Nelle sue dichiarazioni alla testata norvegese VG, l'attaccante del Watford della nazionale scandinava descrive un Ramos...mai visto. "Credo che faccia molto bene il suo mestiere, che sia uno dei migliori difensori centrali del mondo". Fin qui, tutto nella norma, perchè persino il peggior detrattore dell'andaluso non può certo negare che lo spagnolo sia tra quelli che chiunque vorrebbe nella propria retroguardia.

AMABILE - Ma King...fa anche di meglio. "Ramos ha la fama di calciatore duro e scorretto, ma non ricordo di aver mai affrontato un difensore centrale amabile come lui". Ecco, forse "amabile" non è esattamente il termine che viene in mente quando si parla del Gran Capitan. Ma il norvegese insiste, ricordando gli scontri in nazionale. "Non ho visto tutte le sue partite, ma contro di noi le sue entrate sono state tutte regolari e mi è sembrato un ragazzo molto sportivo. Lui ha vinto alcuni duelli, io ne ho vinti altri". Forse King si è dimenticato che il "ragazzo molto sportivo" in un match tra Norvegia e Spagna del 2019 ha cercato di distrarlo, senza riuscirci, prima che calciasse dagli undici metri? Chissà. Ma intanto, la sua è decisamente una voce fuori dal coro!