Real, il gol su punizione è rarissimo: quattro in 106 partite. A Messi invece ne bastano…

A conti fatti, sarebbe meglio lasciar battere tutti i calci di punizione a Sergio Ramos…

di Redazione Il Posticipo

In Spagna, a Madrid, in queste ore, non si parla di molto altro: Sergio Ramos. Nei mesi scorsi c’è stata qualche polemica, qualche dubbio sul rinnovo, in relazione alla carta d’identità. Poi però basta un gol per tornare a celebrare un difensore che ha segnato più di molti attaccanti. Del resto, il gol è davvero bello. Una pennellata, rara da vedere da parte di un difensore. E forse a questo punto sarebbe meglio lasciarli battere tutti a lui i calci di punizione visto che siamo ai livelli di… mMessi.

CAPOLAVORO MA… – Stando ai dati raccolti da El Mundo Deportivo, la gioia per il capolavoro di Ramos apre la strada al solito scontro col Barça, o meglio, con il solo Leo Messi. Quello del numero 4 Blanco è il quarto gol su calcio piazzato del Real delle ultime… 106 giornate, circa 3 anni. Non esattamente un record di cui andare fieri. Basti pensare che per realizzare lo stesso numero di reti direttamente da calcio di punizione, a Messi sono state sufficienti appena 26 partite. Insomma,  meno di un quarto rispetto al Real.

GLI ULTIMI 4 – Prima del gioiello di Sergio Ramos, il Real aveva esultato per un gol da calcio di punizione solo nella stagione 2018/2019. L’autore del gol era Dani Ceballos, unico realizzatore della specialità per tutta la stagione. Quello precedente lo aveva realizzato Isco al suo Malaga alla 32° giornata della stagione precedente. Ancor prima, per la precisione 30 giornate prima, Marco Asensio puniva il Valencia alla seconda uscita di campionato. Per chiudere il confronto basta dire che il rimo degli ultimi quattro gol su punizione di Messi (considerando solo la Liga) è arrivato ad aprile del 2019, nel rocambolesco 4-4 in casa del Villarreal. Insomma, la Pulce è lo specialista ma al Real servirebbe alzare un po’ la media.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy