Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Rakitic…vuole fare l’americano: “A volte Beckham mi telefona…”

Quando alla guida del Barça c'era Valverde, Ivan Rakitic sembrava destinato all'addio al Camp Nou. Ora con Setien ha molto più spazio e la sua permanenza in Catalogna sembra garantita. Attenzione però, perchè le pretendenti non si arrendono....

Redazione Il Posticipo

Miracoli di un cambio di allenatore. Quando alla guida del Barça c'era Valverde, Ivan Rakitic sembrava destinato all'addio al Camp Nou. Il croato, soprattutto dopo l'arrivo di De Jong, era precipitato nelle gerarchie del centrocampo blaugrana e si faceva attirare dalle lusinghe della Serie A, con Inter e Juventus pronte ad accoglierlo a braccia aperte. Poi a Barcellona è cambiato tutto e Quique Setien ha spesso preferito il vicecampione del mondo a Vidal e ad Arthur, già spedito senza troppi patemi d'animo a Torino, sponda Juventus, in cambio di Pjanic. Dunque, la permanenza del croato in Catalogna sembrava garantita, come aveva confermato lui stesso.

INTER MIAMI - Eppure c'è ancora qualche possibilità di vederlo altrove, visto che le pretendenti continuano a non mancare. E alle big d'Europa, che nonostante la carta di identità concederebbero volentieri un ultimo giro di valzer al centrocampista classe 1988, si unisce anche...Beckham. L'Inter Miami, all'inizio della sua storia in MLS, è ancora alla ricerca del suo primo grande colpo mediatico, quello in grado di regalare entusiasmo a una franchigia che non ha cominciato l'avventura del soccer made in USA nella maniera migliore tra problemi burocratici per lo stadio e una pandemia che ha costretto il campionato nordamericano a posticipare di parecchio la partenza dei match.

TELEFONATA - Rakitic lo ha spiegato a ESPN, raccontando del suo rapporto con lo Spice Boy che cerca di portarlo in Florida. "A volte David mi telefona. E si può vedere come anno dopo anno il calcio guadagni sempre più attenzione negli Stati Uniti. Credo che sia veramente speciale vivere in prima persona lo sviluppo del football da quelle parti. Ora come ora si è arrivati a un punto in cui si può guardare in TV una partita della MLS e dire 'sì, me la voglio vedere'". Dunque, occhio alle sirene americane. E se non sarà in questa estate, forse nella prossima, considerando che il contratto del croato scade a giugno 2021. Giusto il tempo di giocare l'Europeo e poi...andare a fare l'americano!