Rakitic, sempre più “isolato” a Barcellona. Torna addirittura…a casa a piedi

Rakitic, sempre più “isolato” a Barcellona. Torna addirittura…a casa a piedi

Il centrocampista croato, di rientro dagli impegni con la nazionali, è costretto a tornare a casa a piedi. L’occupazione dell’aeroporto di El Prat lo ha obbligato a una passeggiata fuori programma…

di Redazione Il Posticipo

Rakitic, sempre più isolato a Barcellona. Con il trolley, per strada, senza che nessuno gli dia una mano. Questa volta, però, il mercato non ha molta incidenza nell’ultima disavventura in cui è incappato il calciatore croato.

SOLO – Il centrocampista blaugrana, di rientro in Spagna dopo gli impegni con la nazionale croata, è stato “paparazzato” mentre si incammina, abbastanza rassegnato, alla ricerca di un mezzo di trasporto che lo possa aiutare a rientrare a casa.

Tuttavia è davvero complicato trovate qualcuno disponibile a raggiungerlo per dargli uno strappo. Considerando quanto sta accadendo a Barcellona in queste ore convulse, con l'”El Prat” occupato dai manifestanti per l’indipendenza catalana, solo chi è in possesso del biglietto, come riporta il Mundo Deportivo, può avere accesso all’aeroporto. Chi invece è in arrivo deve rassegnarsi a una passeggiata fuori programma. Il quotidiano spagnolo, comunque, ha voluto tranquillizzare i tifosi. Il centrocampista è riuscito comunque a raggiungere la via di casa nonostante il contrattempo.

TENSIONE  – Certo, se qualcuno avesse voglia di ironizzare sulle recenti dichiarazioni di Rakitic, che aveva detto di non voler rimanere a Barcellona a godersi la città e le passeggiate sul mare, ha un’arma in più. Oltre ai luoghi turistici, il centrocampista si è ritrovato a camminare lungo le arterie che collegano la capitale della Catalogna all’aeroporto. Anche correndo qualche rischio. Secondo quanto riportato da diverse fonti, sono ancora in corso degli scontri tra manifestanti indipendentisti e polizia. Diverse migliaia di persone sono arrivate all’aeroporto a piedi proprio perchè, per precauzione, le Forze dell’Ordine avevano sospeso i mezzi di trasporto pubblici verso l’aeroporto. Non è bastato però per scoraggiare l’ondata popolare che manifesta dopo aver appreso della condanna al carcere per i leader indipendentisti che nel 2017 avevano portato alla dichiarazione (unilaterale) dell’indipendenza della Catalogna.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy