Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Quella volta che Müller…se l’è vista brutta in India: “Per poco non si avvelena, ha passato tutto il giorno in bagno…”

(Photo by Philipp Guelland - Pool/Getty Images)

Daniel Sikorski ha giocato con la seconda squadra del Bayern Monaco e ha fatto conoscenze importanti come Thomas Müller e Luca Toni. E di entrambi i campioni del mondo ha ricordi perlomeno...particolari!

Redazione Il Posticipo

Quello di Daniel Sikorski non è esattamente un nome celebre del calcio mondiale. Attaccante austriaco di origine polacca, Sikorski attualmente frequenta il campionato cipriota con la maglia dell'AEL Limassol e al massimo ha raccolto qualche presenza nell'Under-21 del suo paese. Ma quando era giovane, era considerato una promessa del calcio mitteleuropeo. Ecco perchè, come spesso accade, su di lui si era mosso il Bayern Monaco. I bavaresi lo hanno portato in Germania dal St. Polten e lo hanno spedito nella seconda squadra a farsi le ossa. Con i grandi non ha mai esordito e alla fine ha cominciato il suo personalissimo giro d'Europa in campionati e squadre minori, ma in compenso ha fatto conoscenze importanti.

MÜLLER - Uno dei suoi compagni di spogliatoio nel Bayern Monaco II era infatti...un certo Thomas Müller, che tra il 2007 e il 2009 si è messo alla prova nella squadra B prima di sfondare tra i grandi e vincere da protagonista (tra le altre cose) due Champions League e un mondiale con la Germania. Che opinione ha Sikorski del campione del mondo 2014, con cui è ancora in contatto? Ottima: "È sempre lo stesso Thomas, gli piace scherzare e non è mai cambiato. È uno dei calciatori più sottovalutati al mondo". Ma l'episodio che rimarrà per sempre impresso nella sua memoria non è di quelli che Müller ricorderà troppo volentieri. L'austriaco ha infatti raccontato a SPOX e Goal di quando, durante un viaggio in India, il tedesco se l'è vista brutta dopo una cena non leggerissima.

 (Getty Images)

AVVELENATO - "Il Bayern aveva una partnership con un orfanotrofio a cui abbiamo portato dei vestiti. Poi ci siamo fermati vicino all'Himalaya. Alloggiavamo in un hotel che non aveva materassi, dormivamo su assi di legno. Le docce erano con i secchi d'acqua e per cena c'erano patatine e Coca-Cola che sembravano essere lì dal 1953. Quindi siamo andati a mangiare da qualche altra parte e per poco Thomas non si avvelena. Il menu diceva che il piatto non era piccante, ma non era assolutamente così e Thomas non se n'è accorto subito. Il giorno dopo l'ha passato in bagno invece che ad allenarsi". Oltre a Müller, Sikorski ha conosciuto un altro attaccante campione del mondo: Luca Toni. E sono altri ricordi piacevoli: "Ero a mangiare in un ristorante con un amico e c'era anche Toni qualche tavolo più in là. A fine cena volevo andare a pagare, ma Luca viene da me e dice 'tranquillo, offro io'. Il Bayern è così, è come una famiglia e anche chi se ne va resta sempre uno di loro". E Müller è anche lui sempre lo stesso. Ma magari ora assaggia il cibo prima di mangiare con gusto...