calcio

Quella…dorata dozzina: i dodici Palloni d’Oro del mondiale 2006

Germania 2006 unisce il calcio di vent'anni fa e quello di oggi. Con la vittoria di Modric salgono a ben dodici i Palloni d'Oro che hanno giocato quel Mondiale. Tutti quelli che si sono aggiudicati il premio dal 1997 al 2018, tranne Rivaldo.

Redazione Il Posticipo

Il Pallone d'Oro lo vince Luka Modric e si festeggia...in Germania. Come è possibile? Che c'entra il ragazzo di Zara, che ha giocato in Premier e in Liga, ma non hai messo mai piede in Bundes, con il colosso teutonico? Beh, la vittoria del capitano della Croazia rende in qualche maniera ancora più storico il Mondiale del 2006, quello terminato con la splendida notte di Berlino. Certo, per gli italiani già lo era, ma il Pallone d'Oro nella bacheca del centrocampista del Real Madrid lo rende, se possibile, unico. E si può ben dire che sui campi di Germania è scesa in campo quella...dorata dozzina.

MONDIALE LEGGENDARIO - Germania 2006 unisce il calcio di vent'anni fa e quello di oggi. Incredibile ma vero, perchè con la vittoria di Modric salgono a ben dodici i Palloni d'Oro che hanno giocato quel Mondiale. Per la precisione, sono scesi in campo tutti quelli che si sono aggiudicati il premio dal 1997 al 2018, tranne Rivaldo. A partire dal vincitore proprio del 1997, che poi è lo stesso del 2002: Ronaldo, il Fenomeno, che in quell'occasione non ha però aiutato il Brasile a confermarsi campione. Con lui, in quella nazionale verdeoro infarcita di talenti, anche il vincitore del 2005, Ronaldinho, e l'ultimo...estraneo prima dell'era dei due alieni, Kakà, premiato nel 2007. E se il Brasile fa la parte del leone, dietro si parla ancora portoghese. Figo, Pallone d'Oro 2000, e CristianoRonaldo, cinque volte vincitore (2008, 2013, 2014, 2016, 2017), portano i lusitani fino alla semifinale persa con la Francia.

LA RUOTA GIRA - Gli altri sette? Sono ben sparsi in altrettante nazionali. Il vincitore del 1998, Zidane, arriva in finale ma chiude e macchia la sua carriera con una testata leggendaria. Quello del 2001, Owen, sbatte assieme a tutta l'Inghilterra contro CR7 e compagni. La Repubblica Ceca di Nedved (2003) e l'Ucraina di Shevchenko (2004) si fermano entrambe contro l'Italia di Cannavaro, che nel 2006 alza Coppa del Mondo e Pallone d'Oro. E gli ultimi due in ordine di tempo? Leo Messi, premiato cinque volte anche lui (2009, 2010, 2011, 2012, 2015), all'epoca è appena diciottenne e vede la sua Argentina dalla panchina mentre viene eliminata dai padroni di casa. Va peggio però al più fresco vincitore. Il Pallone d'Oro 2018, Luka Modric, gioca appena 152 minuti, con la Croazia eliminata dall'Australia e dal Brasile. Quello di Ronaldo. E alla fine, la ruota del Pallone d'Oro, ricomincia a girare.