Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Quando Kobe incontrò Messi grazie a Ronaldinho…

Nelle ultime ore sono diventati virali curiosità e aneddoti nel corso della vita di Byant: uno di questi riguarda Messi, all'epoca in cui era solo un ragazzino. E fu Ronaldinho a presentarlo a Kobe...

Redazione Il Posticipo

Kobe Bryant è morto. Una tragedia sportiva e umana che ha scosso tutto il mondo. Nelle ultime ore i video in cui l'ex cestista è protagonista sono diventati virali in rete. In un'intervista datata a un po' di tempo fa Bryant ha raccontato il giorno in cui ha incontrato Lionel Messi. Quando l'argentino era un ragazzino e la sua stella doveva ancora iniziare a brillare.

LA PROFEZIA - Messi nel calcio, Bryant nel basket: entrambi sono stati stelle polari dei rispettivi sport. L'argentino brilla ancora col Barcellona, lo statunitense invece si è ritirato nel 2015. Come riportato da Sportbible, Kobe ha raccontato il giorno in cui Ronaldinho gli ha presentato la Pulce: "Vi racconto una storia. Anni fa il Barcellona è venuto a Los Angeles. Ronaldinho era mio amico e una volta mi ha detto: 'Kobe, ti presento il ragazzo che diventerà il più grande giocatore di tutti i tempi'". L'ex guardia dei Lakers pensava che Ronaldinho fosse il migliore, ma il brasiliano ha ribadito che un giovane argentino sarebbe diventato la leggenda più grande di lui. E di sempre: "Questo ragazzo sarà il migliore, si chiama Lionel Messi e ha 17 anni". Col senno di poi una profezia decisamente azzeccata.

PUBBLICITÀ - Messi e Bryant si sono incrociati di nuovo nel 2013, quando sono apparsi insieme in alcuni annunci della Turkish Airlines: la pubblicità era intitolata "Legends on Board" e aveva come protagonista un bambino che si avvicinava alle due superstar a caccia di alcuni autografi, salvo poi preferire una hostess con un piatto di cibo tra le mani. Due settimane prima della sua morte, Bryant aveva parlato dell'impatto di Messi sul Barça ai microfoni della CNN: "È uno dei più grandi atleti di tutti i tempi per la sua tenacia, la sua intelligenza e il suo talento".