calcio

Qatar, il segretario Al-Thawadi: “Tanta cattiva informazione. Il Mondiale cambierà la percezione del paese”

Doha, Qatar - March 26, 2020: Al Wahda Bridge The Tallest Monument of City. known as 56 Bridge of Arch

Qatar, ci siamo. A poche ore dal sorteggio il Mondiale entra nel vivo anche se non sono mancate le critiche legate a luogo e periodo dell’evento. La nazione che ospiterà l’evento è stato spesso pesantemente criticata per la gestione...

Redazione Il Posticipo

Qatar, ci siamo. A poche ore dal sorteggio il Mondiale entra nel vivo anche se non sono mancate le critiche legate a luogo e periodo dell'evento. La nazione che ospiterà l'evento è stato spesso pesantemente criticata per la gestione dei diritti umani, dalle rigide leggi anti-LGBTIQ alle preoccupazioni per il trattamento dei lavoratori migranti. In una intervista rilasciata alla BBC, Al-Thawadi segretario generale della Coppa del Mondo 2022 si difende dalle accuse.

MALE INFORMATI - Il dirigente ritiene che alcune informazioni vadano riviste. O rilette. "Alcune persone hanno rilasciato dichiarazioni che a mio avviso sono frutto di una cattiva informazione. Non dobbiamo scusarci per ospitare questo torneo perché siamo una paese che ama il calcio come tanti altri. Abbiamo avuto la legittima ambizione di presentare la nostra candidatura. E adesso siamo fiduciosi. Mostreremo il nostro vero volto al resto del mondo e sono certo che cambierà la percezione intorno a questo paese".

DIRITTI UMANI - Si è discusso molto anche di diritti umani. "Riguardo a inclusività e discriminazione abbiamo sempre detto che tutti sono i benvenuti e chiunque sarà e si sentirà al sicuro. Invitiamo il mondo a venire a visitare il Qatar, siamo un paese relativamente conservatore: la manifestazione pubblica di affetto è qualcosa che non fa parte della nostra cultura ma l'ospitalità e l'accoglienza sì. Penso che la natura di questi tornei sia che consente a persone di estrazione sociale diversa di essere in grado di sperimentare e comprendere culture diverse".

 Construction of a new stadium in the desert of Qatar, Middle East
Doha, Qatar - March 26, 2020: Al Wahda Bridge The Tallest Monument of City. known as 56 Bridge of Arch

LAVORATORI - Altro punto di discussione. Le morti sul lavoro. Si è parlato di turni di lavoro disumani, in condizioni climatiche insopportabili. "Abbiamo indagato a fondo su ogni infortunio e per ciascuna singola tragedia in modo da individuare la causa principale ed evitare che si ripetesse cercando di adottare misure preventive. Siamo perfettamente consapevoli che niente e nessuno risarcirà la perdita di vite umane. Posso solo dire che abbiamo fatto del nostro meglio per essere in grado di fornire il relativo compenso alle famiglie vittime di perdite dei loro cari sul posto di lavoro".