Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Qatar 2022, Blatter attacca: “Senza l’intervento di Sarkozy su Platini, non avrebbero mai avuto i mondiali”

SALVADOR, BRAZIL - JUNE 16:  UEFA President Michel Platini (L) and FIFA President Joseph Blatter look on during the 2014 FIFA World Cup Brazil Group G match between Germany and Portugal at Arena Fonte Nova on June 16, 2014 in Salvador, Brazil.  (Photo by Martin Rose/Getty Images)

Viste le polemiche sull'assegnazione, sui diritti umani e sull'ingerenza dei fondi degli stati nel pallone, l'impressione è che dei prossimi Mondiali si parlerà parecchio non solo per quanto avverrà in campo. E ci si mette anche l'ex presidente...

Redazione Il Posticipo

Inizia il contro alla rovescia, con tanto di clessidra e...David Beckham. I Mondiali 2022 si terranno ormai tra meno di un anno in Qatar e anche se (almeno in Italia) la sbornia da post-Europei vinti è ancora forte, l'interesse per una Coppa del Mondo mai vista prima c'è. Una curiosità che dipende da parecchi fattori, in primis dalla necessità di spostare le classiche date estive a novembre e dicembre, visto che il deserto tra giugno e luglio non sembra un'ottima opzione per giocare. Ma anche dal punto di vista mediatico, viste le polemiche sull'assegnazione, sui diritti umani e sull'ingerenza dei fondi degli stati nel pallone, l'impressione è che di questi Mondiali si parlerà parecchio non solo per quanto avverrà in campo.

RUSSIA E POI USA - E come un fulmine a ciel sereno, spunta di nuovo Sepp Blatter. L'ex presidente della FIFA è tornato a parlare e ha puntato il dito proprio sul processo che ha portato i Mondiali 2022 nel Golfo Persico. Lo svizzero, in un'intervista concessa a Le Monde, ha sottolineato per l'ennesima volta che sono state ingerenze politiche di altissimo livello a cambiare le carte in tavola quando tutto sembrava deciso. "Pensavo che non ci sarebbero stati pericoli in grado di scalfire il nostro accordo di principio, avremo assegnato i mondiali 2018 alla Russia e quelli del 2022 agli Stati Uniti. Ma in decisioni così importanti come l'assegnazione di un mondiale è possibile che giri del denaro e che qualcuno se lo metta in tasca".

SARKOZY - Ma chi? Già anni fa, Blatter aveva dichiarato che era stato l'allora presidente francese Sarkozy a fare pressioni su Michel Platini per l'assegnazione al Qatar della Coppa del Mondo 2022. E l'ex presidente conferma le accuse. "Senza l'intervento dell'ultim'ora di Sarkozy su Platini, il Qatar non avrebbe mai avuto i mondiali". A legare le cose, spiega Blatter, ci sono l'acquisto del PSG da parte del fondo qatariota e le grandi attività economiche tra i due paesi. Ma comunque sia andata, il risultato non cambia: tempo un anno e ci sarà l'inaugurazione di Qatar 2022, piaccia allo svizzero oppure no. "È la prima volta che un intervento politico cambia una grande decisione del mondo del calcio. E sul piano sociale e su quello climatico, è stato un grande errore dare i Mondiali al Qatar". Platini, dal canto suo, ha di nuovo negato ogni addebito da parte dell'ex presidente della FIFA. E la polemica continua...