Qatar 2022, ancora una morte sul lavoro

Una brutta notizia dal Qatar, dove un operaio 23enne ha perso la vita in seguito a un incidente sul lavoro: dinamiche ancora da chiarire…

di Redazione Il Posticipo

Calcio e morte non dovrebbero mai incrociarsi, eppure accade. E se poi il decesso è sul lavoro, il quadro diviene ancor più straziante. Accade in Qatar e lo riporta Marca. Un operaio nepalese ha perso la vita mentre lavorava alla costruzione dello stadio Al Wakrah.

GIOVANE – Il ragazzo, di soli 23 anni, è stato dichiarato deceduto ma ci sarebbe il massimo riserbo sulle cause che ne hanno causato la morte. Lo scarno comunicato rilasciato dal comitato locale e riportato da Marca è che “un uomo del Nepal, di anni 23, ha perso la vita mentre lavorava alla costruzione dello stadio”. Come sia successo sembra avvolto un mistero. E anche il quando, inteso come orario del decesso, resterebbe un’incognita. Insomma, quanto basta per sollevare l’attenzione delle tante organizzazioni umanitarie che da tempo osserverebbero e denuncerebbero situazioni al limite.

TRASPARENZA – La parola più ricorrente sarebbe “trasparenza”, abbinata alla necessità di chiarimenti. In questo senso, rispetto ai primi anni di lavoro, si sarebbero fatti diversi passi avanti. Il comitato segnalerebbe con continuità  le morti sul lavoro e gli incidenti. Sembra però che le pressioni delle varie organizzazioni umanitarie, con Amnesty international in testa, premano per una maggiore chiarezza su numeri e attività dei cantieri.

MISTERI – Le autorità locali avrebbero raccolto l’invito e preteso un maggior numero di precauzioni per garantire lavoro sostenibile sia a livello di sicurezza che salariale. Resterebbe, però, la sensazione che possa esserci clamorosa discrepanza fra le comunicazioni del Comitato ai lavori e ciò che realmente accade in quei cantieri sembra ormai diffusa. Secondo il globalist, le cifre sono ben diverse: sino al 2015, 1200 morti accertate, si parlerebbe della possibilità che a lavori ultimati si possano contare oltre 4ooo morti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy