Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Putellas, lettera strappalacrime alle compagne: “Resto e tifo per voi, sono una privilegiata”

Putellas, lettera strappalacrime alle compagne: “Resto e tifo per voi, sono una privilegiata” - immagine 1
Un infortunio in allenamento ha provato la stella spagnola e del calcio europeo del campionato che la avrebbe potuta ergere a protagonista assoluta.

Redazione Il Posticipo

Alexia Putellas non dimenticherà mai il 4 luglio. Un infortunio in allenamento ha provato la stella spagnola e del calcio europeo del campionato che la avrebbe potuta ergere a protagonista assoluta. La centrocampista del Barcellona, pallone d'Oro 2021, ha riportato la rottura del legamento crociato del ginocchio sinistro in allenamento e salterà dunque l'Europeo e buona parte della stagione.  Smaltita la comprensibile amarezza, la ragazza è tornata a parlare attraverso il proprio profilo Instagram. Una lettera dal grande spessore morale.

INSIEME

La ragazza non lascerà il ritiro. "Ragazze, sono con voi e ho totale fiducia in voi. So benissimo di cosa siete capaci di fare e della vostra forza. Ora dovete crederci più di prima. Resto qui, da tifosa, avrete un sostegno in più e urlerò e mi emozionerò ogni singolo secondo che passerò sugli spalti". Inevitabile il riferimento a quel secondo che ha cambiato la sua vita. "Guardo questa foto e capisco quanto velocemente tutto possa cambiare. Tuttavia quanto mi è accaduto non fa altro che alimentare la mia enorme passione per questo sport. Potrei lamentarmi, perché mi sono infortunata il giorno prima che iniziasse il nostro europeo che aspettavo con impazienza e felicità ma non riesco ad essere arrabbiata".

Putellas, lettera strappalacrime alle compagne: “Resto e tifo per voi, sono una privilegiata” - immagine 1

PRIVILEGIATA

La ragazza nonostante l'amarezza non perde il senso della misura. "Sono e resto comunque una privilegiata. Sento di esserlo stata per molto tempo. Posso solo essere felice perché mi sono sempre divertita. Ho giocato e vissuto una felicità quotidiana che per molti è davvero difficile da ottenere e conservare. Ora inizia una nuova fase. Da quando ho coscienza di me stessa e memoria non sono mai stata più di 5 giorni senza un pallone, o senza allenarmi o giocare una partita. Era ed è la mia passione. Il percorso che mi attende  sarà una bella sfida, ma sono fiducioso che recupererò, tornerò in pista e finirò il percorso che ho iniziato".