Pukki: “Rigore discutibile, ma l’Italia ha comunque meritato di vincere”

Pukki: “Rigore discutibile, ma l’Italia ha comunque meritato di vincere”

Il centravanti finlandese, intervenuto a fine partita ai microfoni di Rai Sport, ha analizzato il match. E non ha affatto accantonato le speranze di qualificazione.

di Redazione Il Posticipo

Povero Pukki. Molti dei suoi gol realizzati in questo inizio di stagione, sinora, sono utili solo alle statistiche. Il calciatore finlandese segna tantissimo ma raccoglie pochino, complice, evidentemente, avversari di categoria superiore sia in Premier che in Nazionale. Il ragazzo tuttavia ha fatto ancora vedere le sue doti. E aveva anche raggiunto gli azzurri. Poi il rigore di Jorginho ha spostato gli equilibri del match, non senza qualche rimpianto.

RIGORE – Pukki è stato fra i protagonisti del match. Il calciatore rivelazione della Premier aveva anche acciuffato il pareggio. E per qualche minuto, ci ha anche creduto come dichiara ai microfoni di Rai Sport.  “Sono ovviamente deluso, oggi abbiamo giocato una buona partita avevo trovato anche il gol dell’1-1. Però sono onesto e dico che l’Italia ha meritato di vincere la partita. Nell’arco dei 90′  hanno fatto meglio di noi”. Sul rigore fischiato a Jorginho. “Mi trovato a metà campo, ero troppo lontano dall’azione per giudicare,  lo rivedrò fra poco. Però da quanto mi hanno detto i miei compagni sembra che sia stata una decisione discutibile”.

FIDUCIOSO – La sconfitta tuttavia, non pregiudica la qualificazione. L’attaccante del Norwich nè è consapevole e resta ancora convinto della possibilità di centrare la qualificazione, complice anche il “suicidio” della Bosnia. Del resto, i due scogli sono stati superati e la Finlandia è ancora in corso per il secondo posto. “Sono ancora fiducioso. Il mio sogno è giocare gli Europei, abbiamo ancora quattro partite da giocare e la possibilità di andare a trovare i punti necessari per centrare una storica qualificazione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy