PSG, Tuchel si autoaccusa: “Paura da Champions? Colpa nostra, dobbiamo cambiare…”

PSG, Tuchel si autoaccusa: “Paura da Champions? Colpa nostra, dobbiamo cambiare…”

Il tecnico del PSG in conferenza stampa parla poco della sfida di Coppa con il Digione e molto della Champions…

di Redazione Il Posticipo

Alla vigilia del quarto di finale della Coupe de France, Thomas Tuchel ha tenuto la sua tradizionale conferenza stampa.Non si parla ovviamente solo della coppa Nazionale: il tecnico ha diversi problemi da affrontare. La gestione dei singoli, delle forze e molte polemiche.

COLPA NOSTRA – La sfida con il Digione è vissuta come una tappa necessaria verso le sfide che contano davvero: le parole del tecnico son riportate da Le Parisien: “Mi aspetto una partita molto fisica. Vogliamo vincere, abbiamo 120 minuti per quello. Mi aspetto una partita difficile. È necessario mettere in campo le nostre qualità”. Poi arriveranno la Champions… e le polemiche. “Possiamo anche dire che è un po ‘colpa nostra. Ci siamo costruiti una tradizione negativa con le  eliminazioni contro Barcellona, ​​Real Madrid e Manchester United. È un sogno per tutti competere in Champions League con un club competitivo come il PSG. Dobbiamo dimostrare di essere all’altezza”

FANTASMI – Fra fantasmi del passato e del presente non è facile gestire la rosa. “Dobbiamo ancora migliorare, ma abbiamo un buon gruppo. Siamo i primi a voler vincere. Però… non stiamo parlando di Digione”. Effettivamente c’è più curiosità intorno alle condizioni di Neymar. E in tanti si chiedono se sarà pronto per Dortmund. “Non deve giocare per essere pronto contro il Dortmund. Deve scendere in campo quando è pronto. Dobbiamo calcolare il rischio, parlare con il medico e decidere. Ha un’altra possibilità di giocare contro l’Amiens. È infortunato, dobbiamo essere pazienti. Vogliamo arrivare a Dortmund con un gruppo forte e fresco dal punto di vista mentale e fisico”. In questo senso, necessario sbloccare anche Icardi. Il puntero si è inceppato. “Con gli attaccanti è sempre la stessa cosa: ciò che aiuta sono i gol. Possiamo parlare tatticamente, mostrare video ma la cosa più importante, per Mauro, adesso è segnare. Ha esperienza sa che ci sono fasi come questa in una stagione”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy