PSG, Paredes è sicuro: “Neymar resterà con noi”

L’ex centrocampista della Roma è convinto che il brasiliano non tornerà a Barcellona. O non subito…

di Redazione Il Posticipo

In un’intervista di videoconferenza con il canale Fox Sports , Leandro Paredes  chiude le porte a un possibile addio di Neymar. Secondo l’ex calciatore della Roma il brasiliano resterà aParigi. E le sue fonti sono… assolutamente sicure.

RESTA – Paredes è arrivato a Parigi nel gennaio 2019 dallo Zenit San Pietroburgo e ha intaurato un rapporto abbastanza stretto con il fuoriclasse brasiliano. “In questo periodo parliamo molto spesso, ci chiamiamo molto”. Si parlerà ovviamente di calcio. “Me lo ha detto, continuerà con noi”. Parole che risuonano come un “gong” nella telenovela che si ripropone ormai a scadenza quasi fissa nel momento in cui si inizia a parlare di mercato. Neymar, dunque, come assicurato dal suo compagno, resterà. L’addio a Parigi, destinazione Barcellona sembra però solo rimandato.

NOSTALGIA – Indiscutibilmente Neymar è attratto dall’ipotesi di rientrare a Barcellona e al netto delle parole pronunciate dal suo compagno tutto lascia credere che il club Campione di Spagna non mollerà la presa. O, perlomeno, continuerà a monitorare la situazione. Il brasiliano, come noto, ha già cercato di tornare lo scorso anno ma la trattativa si è arenata. Questione di costi. Un fattore che potrebbe essere determinante anche nell’immediato futuro. La saudade di Neymar non è sufficiente per spostare gli equilibri di una trattativa complicata lo scorso anno e quasi impossibile in questa stagione. Tutta colpa del virus.

ECONOMIA – Il Covid-19 non è solo una pandemia sanitaria per il calcio. Impatta anche, e tantissimo, dal punto di vista economico. Ecco perché appare perlomeno complicato che il PSG possa permettersi di cedere Neymar a un prezzo ribassato. Così come sembra altrettanto improbabile che il Barcellona possa staccare assegni a nove cifre. Contingenze a supporto della tesi di Paredes. Neymar, volente o nolente, probabilmente resterà a Parigi. La Catalogna, per adesso, può aspettare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy